Home > Riviste > Minerva Ortopedica e Traumatologica > Fascicoli precedenti > Minerva Ortopedica e Traumatologica 2007 Giugno;58(3) > Minerva Ortopedica e Traumatologica 2007 Giugno;58(3):271-8

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA ORTOPEDICA E TRAUMATOLOGICA

Rivista di Ortopedia e Traumatologia


Official Journal of the Piedmontese-Ligurian-Lombard Society of Orthopedics and Traumatology
Indexed/Abtracted in: EMBASE, Scopus, Emerging Sources Citation Index


eTOC

 

REVIEW  


Minerva Ortopedica e Traumatologica 2007 Giugno;58(3):271-8

lingua: Inglese

Tecniche per aumentare la sicurezza delle “bone morphogenetic proteins” nella chirurgia del rachide cervicale

White A. P. 1, Brothers J. G. 2, Brown Z. B. 2, Vaccaro A. R. 3

1 Carl J. Shapiro Department of Orthopaedics Beth Israel Deaconess Medical Center Boston, MA, USA
2 Department of Orthopaedic and Neurological Surgery Thomas Jefferson University Hospital Philadelphia, PA, USA
3 Spine Division Department of Orthopaedic Surgery and Neurosurgery Rothman Institute at Jefferson University Hospital Thomas Jefferson University Philadelphia, PA, USA


PDF  


Le tecniche moderne di chirurgia del rachide cervicale si sono sviluppate in parte come conseguenza dell’evoluzione della tecnologia. L’interesse nella ricerca di alternative all’innesto autologo dalla cresta iliaca è stato motivato dai difetti di questo innesto, compreso il rischio di pseudoartrosi e le complicanze sul sito donatore. Per questo le bone morphogenetic protein (BMP) sono state studiate per alcuni decenni con molto interesse. Alcuni studi clinici prospettici ben condotti hanno dimostrato l’efficacia delle BMP nelle ossa lunghe e nella colonna lombare. Ma è stato solo di recente che sono state utilizzate su larga scala negli interventi sul rachide cervicale. Gli studi in letteratura degli ultimi due anni hanno confermato una notevole capacità delle BMP di favorire l’integrazione ossea, ma hanno anche riportato alcune complicanze. I problemi legati all’utilizzo di BMP nella colonna cervicale comprendono le complicanze legate alla tumefazione esuberante dei tessuti molli, la formazione di osso inappropriata e l’accelerato riassorbimento degli innesti strutturali intersomatici. Come per altri progressi chirurgici, l’uso di BMP nella chirurgia del rachide cervicale dovrebbe essere ottimizzata da un’accurata attenzione ai dettagli di tecnica chirurgica. Queste tecniche riducono il rischio di complicanze e aumentano l’efficacia dell’applicazione di BMP al rachide cervicale.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail