Home > Riviste > Minerva Ortopedica e Traumatologica > Fascicoli precedenti > Minerva Ortopedica e Traumatologica 2007 June;58(3) > Minerva Ortopedica e Traumatologica 2007 June;58(3):239-44

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA ORTOPEDICA E TRAUMATOLOGICA

Rivista di Ortopedia e Traumatologia


Official Journal of the Piedmontese-Ligurian-Lombard Society of Orthopedics and Traumatology
Indexed/Abtracted in: EMBASE, Scopus, Emerging Sources Citation Index


eTOC

 

ARTICOLI ORIGINALI  


Minerva Ortopedica e Traumatologica 2007 June;58(3):239-44

Copyright © 2007 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Italiano

Risultati della tecnica EDF nella terapia della scoliosi idiopatica dell’adolescente

Maiello A., Girardo M., Trucchi F., Collo G., Castoldi F., Rossi R.

Divisione Universitaria di Ortopedia e Traumatologia Ospedale Mauriziano, Torino


PDF  


Obiettivo. Lo scopo di questo studio retrospettivo è valutare i risultati della tecnica “elongation-derotation-flexion” (EDF) nella terapia della scoliosi idiopatica dell’adolescente.
Metodi. Su 150 trattamenti effettuati in totale fra il 1991 eil 2005, è stata selezionata una coorte di 98 pazienti, che rispondevano ai seguenti criteri di inclusione: diagnosi di scoliosi idiopatica dell’adolescente; angolo di Cobb compreso tra i 30° e i 50°; indice di Risser all’inizio del trattamento compreso tra 0 e 3; utilizzo di busto gessato come primo trattamento. Sono state escluse le curve toraciche alte e le cifosi toraciche minori di 20°. La popolazione risultava così composta: 88 pazienti di sesso femminile e 10 di sesso maschile di età compresa tra 10 e 17 anni (età media 13,4 anni DS 1,56); il 70,4% dei pazienti aveva un Risser minore o uguale a 2; le curve singole toraciche erano 20, le curve toraco-lombari 19, le curve lombari 15; le curve doppie maggiori erano 44 in totale. L’angolo di Cobb medio era 37,4° (valore minimo 30°, valore massimo 50°). Il risultato del trattamento è stato valutato calcolando la percentuale di riduzione dell’angolo misurato nell’ultimo gesso, rispetto al valore iniziale. È stata effettuata un’analisi statistica bivariabile con il t-test di Student e analisi della varianza, considerando una significatività statistica con P<0,05.
Risultati. La percentuale di correzione media della curva era del 42,5% (DS 20,9; valore minimo 10%; valore massimo 100%), corrispondente a una differenza media di 15,9°. Sono stati ottenuti risultati di correzione validi specialmente nelle curve lombari e toraco-lombari, con valori rispettivamente di 48,2% (DS 20) e 44,8% (DS 18,9), ma anche nelle curve toraciche singole (40,1% DS 20,3). Tutti i risultati sono statisticamente significativi. I valori di correzione che superano il 30% sono il 70,5% dei casi. Non sono state osservate differenze significative nei valori di correzione stratificando per sesso, età e valore di Risser.
Conclusioni. Considerando i risultati ottenuti, si può affermare che i busti gessati EDF sono una buona tecnica correttiva della scoliosi idiopatica dell’adolescente, solamente se seguiti da un trattamento in corsetto adeguato.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail