Home > Riviste > Minerva Ortopedica e Traumatologica > Fascicoli precedenti > Minerva Ortopedica e Traumatologica 2007 Aprile;58(2) > Minerva Ortopedica e Traumatologica 2007 Aprile;58(2):115-24

ULTIMO FASCICOLOMINERVA ORTOPEDICA E TRAUMATOLOGICA

Rivista di Ortopedia e Traumatologia


Official Journal of the Piedmontese-Ligurian-Lombard Society of Orthopedics and Traumatology
Indexed/Abtracted in: EMBASE, Scopus, Emerging Sources Citation Index

 

REVIEW  


Minerva Ortopedica e Traumatologica 2007 Aprile;58(2):115-24

lingua: Inglese

Trattamento delle lesioni della cuffia dei rotatori nei pazienti anziani: un programma di riabilitazione domiciliare sotto controllo medico

Rockwood C. A., Wirth M. A., Rosipal C. E., Marchant D. C.

Department of Orthopaedic Surgery University of Texas Health Science Center San Antonio, TX, USA


PDF  ESTRATTI


Il paziente anziano con dolore di spalla cronico secondario a una lesione completa o parziale della cuffia dei rotatori è un problema complesso per il medico curante. Il ricorso a un trattamento chirurgico, che potrebbe essere preso in considerazione nella popolazione di pazienti più giovani, potrebbe non essere l’appropriata opzione di trattamento di prima scelta nella popolazione più anziana. Nel paziente più anziano, oltre i 60 anni, con una rottura parziale o completa della cuffia dei rotatori, sosteniamo che il trattamento con un programma riabilitativo domiciliare sotto controllo medico sia un metodo affidabile ed efficace per conseguire un miglioramento clinico significativo. Il programma riabilitativo specifico supervisionato “orthotherapy” è stato già descritto in letteratura. Consiste in programma riabilitativo dolce e progressivo, diviso in quattro fasi distinte. Quando il dolore acuto diminuisce, il paziente viene avviato alla fase 2 del programma, un programma di stretching della spalla graduale e progressivo utilizzando la residua muscolatura della cuffia dei rotatori, il deltoide e gli stabilizzatori della scapola. Solo quando il paziente acquisisce un range di movimento passivo funzionale della spalla, si inizia la fase 3, un programma di esercizi di dolce e progressivo rinforzo muscolare. È fondamentale che al completamento soddisfacente dei programmi di stretching e rinforzo, si prosegua indefinitamente con una quarta fase di mantenimento almeno due volte alla settimana. Questa prevede una continua ripetizione degli esercizi di stretching e rinforzo. È importante notare che non si fa ricorso a terapisti fisici o occupazionali in alcuna fase di esecuzione di questo programma di riabilitazione domiciliare. È nostra opinione che queste influenze non contribuiscano in modo significativo a un buon risultato e possano anzi essere pregiudizievoli ai fini di questo programma. L’esperienza dell’Autore anziano è, che seguendo questo programma riabilitativo domiciliare, si ottengono risultati da buoni a eccellenti in una percentuale dal 60% all’80% di questi pazienti problematici.

inizio pagina