Home > Riviste > Minerva Ortopedica e Traumatologica > Fascicoli precedenti > Minerva Ortopedica e Traumatologica 2007 April;58(2) > Minerva Ortopedica e Traumatologica 2007 April;58(2):101-6

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA ORTOPEDICA E TRAUMATOLOGICA

Rivista di Ortopedia e Traumatologia


Official Journal of the Piedmontese-Ligurian-Lombard Society of Orthopedics and Traumatology
Indexed/Abtracted in: EMBASE, Scopus, Emerging Sources Citation Index


eTOC

 

ARTICOLI ORIGINALI  


Minerva Ortopedica e Traumatologica 2007 April;58(2):101-6

Copyright © 2007 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Inglese

Range di movimento nella protesi totale d’anca. Uno studio sperimentale su modello osseo

Iversen B. F. 1,2, Levi N. 1

1 Department of Orthopaedic Surgery Frederiksberg Hospital University of Copenhagen, Copenhagen Denmark
2 Department of Biomedical Engineering Institute of Orthopaedics University of London, London, UK


PDF  


Obiettivo. Il range di movimento (range of motion, ROM) è un aspetto critico del design delle protesi totali d’anca. In contrasto con il paziente affetto da coxartrosi senile, il ROM libero dopo impianto di protesi totale d’anca è di particolare interesse per il paziente giovane. Sono stati condotti molti studi sul ROM, incluse alcune molto semplici misurazioni goniometriche e altre molto più complicate simulazione al computer, animazioni al computer di realtà virtuale e analisi tridimensionali a elementi finiti. L’obiettivo di questo studio è presentare un nuovo metodo sperimentale con cui valutare il ROM di una protesi totale d’anca.
Metodi. In un modello sperimentale comprendente un emibacino e un femore prossimale è stata impiantata una protesi d’anca. Il modello è stato connesso a un sistema di acquisizione di dati, in grado di misurare i tre angoli corrispondenti alla flesso-estensione, ab/adduzione ed extra-intrarotazione dell’anca. Sono state registrate le posizioni in cui avveniva l’impingement tra il collo e la coppa protesici o tra le strutture ossee del femore e del bacino.
Risultati. Sono stati disegnati dei grafici che riportavano il massimo grado di movimento permesso dalla protesi, ponendo anche attenzione a come le strutture ossee del femore e del bacino influenzano il ROM di una protesi totale d’anca.
Conclusioni. Abduzione e rotazione esterna appaiono certamente come le aree di movimento più sicure.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail