Home > Riviste > Minerva Ortopedica e Traumatologica > Fascicoli precedenti > Minerva Ortopedica e Traumatologica 2007 February;58(1) > Minerva Ortopedica e Traumatologica 2007 February;58(1):27-31

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA ORTOPEDICA E TRAUMATOLOGICA

Rivista di Ortopedia e Traumatologia


Official Journal of the Piedmontese-Ligurian-Lombard Society of Orthopedics and Traumatology
Indexed/Abtracted in: EMBASE, Scopus, Emerging Sources Citation Index


eTOC

 

ARTICOLI ORIGINALI  


Minerva Ortopedica e Traumatologica 2007 February;58(1):27-31

Copyright © 2007 EDIZIONI MINERVA MEDICA

Un nuovo sistema meccanico di navigazione per il posizionamento accurato dei componenti durante l’artroplastica totale d’anca

Iversen B. F. 1,2, Levi N. 1,3

1 Department of Orthopaedic Surgery Frederiksberg Hospital University of Copenhagen Copenhagen, Denmark
2 Department of Biomedical Engineering Institute of Orthopaedics University of London, London, UK
3 Department of Orthopaedic Surgery Sunderby Hospital Lulea, Sweden


PDF  


Obiettivo. Il posizionamento dei componenti influenza criticamente la performance e la durata di una protesi totale d’anca e il malposizionamento dei componenti può provocare dislocazione, separazione, limitazione dei movimenti e aumento del logoramento del polietilene. L’utilizzo di guide meccaniche standard, spesso fornite dai produttori degli impianti, ha provocato grandi variazioni dell’inclinazione e del verso della fossa dell’acetabolo. La navigazione chirurgica guidata dal computer è stata utilizzata per migliorare l’accuratezza del posizionamento dei componenti. Tuttavia, vi sono state delle critiche riguardo questi nuovi dispositivi, principalmente rivolte ai costi aggiuntivi e alle procedure chirurgiche spesso difficili e lunghe da eseguire. In questo lavoro descriviamo un nuovo sistema meccanico di navigazione e ne valutiamo l’accuratezza.
Metodi. In 10 cadaveri è stata eseguita la protesi totale bilaterale d’anca. In un lato la protesi è stata inserita seguendo la procedura chirurgica standard, con l’obiettivo di orientare la fossa dell’acetabolo a 45° di abduzione con una somma totale di 30° di antiversione per la fossa dell’acetabolo e lo stem. Per l’anca controlaterale è stato utilizzato il nuovo sistema meccanico di navigazione.
Risultati. La deviazione mediana dai 30° previsti di antiversione è stata di 9° con la tecnica convenzionale (range: 1-23°). Con la nuova tecnica la deviazione mediana dai 30° previsti di antiversione è stata di 4° (range: 0-9°). La differenza è stata statisticamente significativa (P < 0,05).
Conclusioni. Questo studio su cadaveri ha evidenziato che il nuovo sistema meccanico di navigazione ha consentito un posizionamento più accurato della fossa dell’acetabolo.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail