Home > Riviste > Minerva Ortopedica e Traumatologica > Fascicoli precedenti > Minerva Ortopedica e Traumatologica 2006 Ottobre;57(5) > Minerva Ortopedica e Traumatologica 2006 Ottobre;57(5):455-8

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA ORTOPEDICA E TRAUMATOLOGICA

Rivista di Ortopedia e Traumatologia


Official Journal of the Piedmontese-Ligurian-Lombard Society of Orthopedics and Traumatology
Indexed/Abtracted in: EMBASE, Scopus, Emerging Sources Citation Index


eTOC

 

  EVENTI AVVERSI NEI REPARTI CHIRURGICI


Minerva Ortopedica e Traumatologica 2006 Ottobre;57(5):455-8

lingua: Italiano

Prevenzione delle lesioni da pressione

Cavaglià M. 1, Chiesa R. 2, Reale R. 3, Tartaglia G. 2

1 S.C. di Medicina Ospedale Maggiore, Chieri
2 S.C. di Ortopedia e Traumatologia Ospedale Maggiore, Chieri
3 S.C. Direzione Sanitaria Ospedale Maggiore, Chieri


PDF  


Le lesioni da decubito rappresentano una delle più importanti complicanze che possono manifestarsi in occasione di una degenza prolungata. La lesione da decubito si può e si deve prevenire. Gli obiettivi sono: ridurre il rischio di comparsa di lesioni da decubito; migliorare la cura delle lesioni già esistenti; contenere i costi sociali e personali (sofferenza del paziente e della famiglia; costi indotti dal prolungarsi della degenza) e i costi relativi alla degenza ospedaliera (risorse umane, materiali e farmaci); migliorare l’immagine della struttura e dell’Azienda Sanitaria; aumentare la motivazione del personale.
La metodologia operativa considera le linee guida EPUAP ed AHPCR. I singoli punti vengono esaminati e tradotti in indicazioni operative per ciascuna figura professionale. La prevenzione delle ulcere da decubito riguarda tutti i pazienti “costretti a letto, o su una sedia, o con gravi difficoltà di mobilizzazione”.
Le attività riguardano i pazienti a rischio potenziale in tutti i reparti ospedalieri o in ADI, la valutazione a mezzo delle scale valutative accreditate deve pertanto essere estesa a tutti i pazienti, indipendentemente dall’età e dal tipo di patologia o di reparto.
Avere un protocollo che uniformi i comportamenti degli operatori associato all’esperienza degli stessi permette di dare una risposta efficace e appropriata ai bisogni del paziente.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail