Home > Riviste > Minerva Ortopedica e Traumatologica > Fascicoli precedenti > Minerva Ortopedica e Traumatologica 2006 Agosto;57(4) > Minerva Ortopedica e Traumatologica 2006 Agosto;57(4):399-404

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA ORTOPEDICA E TRAUMATOLOGICA

Rivista di Ortopedia e Traumatologia


Official Journal of the Piedmontese-Ligurian-Lombard Society of Orthopedics and Traumatology
Indexed/Abtracted in: EMBASE, Scopus, Emerging Sources Citation Index


eTOC

 

  COMUNICAZIONI SUL TEMA: SPALLA


Minerva Ortopedica e Traumatologica 2006 Agosto;57(4):399-404

lingua: Italiano

Il trattamento delle rigidità post-traumatiche di spalla con release artroscopico: revisione di 19 casi

Castelli P. G., Schneider L., Sartori G., Camisassa R., Grandi G.

Unità Operativa di Ortopedia Clinica La Vialarda, Biella


PDF  


Obiettivo. La rigidità di spalla è una complicanza temibile delle fratture dell’articolazione gleno-omerale. Lo scopo del nostro studio è valutare i risultati ottenuti nel trattamento delle rigidità post-traumatiche di spalla con il release artroscopico dell’articolazione.
Metodi. Diciannove pazienti (11 di sesso maschile e 8 di sesso femminile) sono stati sottoposti, dal marzo del 2003 al settembre del 2005, ad artrolisi artroscopica dell’articolazione gleno-omerale. Tutti i pazienti erano affetti da rigidità post-traumatica di spalla; 8 erano sequele di fratture del trochite, 4 di fratture a 3 frammenti della testa omerale, 4 di Bony Bankart, 1 di lussazione posteriore e 2 di fratture della glena. Il release artroscopico è stato eseguito dopo il fallimento di un trattamento fisiokinesiterapico di rieducazione articolare prolungato per un periodo di almeno 6 mesi.
Risultati. I risultati ottenuti sono stati valutati prima dell’intervento e a distanza di 3 e 6 mesi dall’intervento chirurgico con il Constant Score e l’SST. Al termine dello studio, 9 pazienti si sono dichiarati molto soddisfatti, 3 soddisfatti, 5 hanno percepito un discreto miglioramento e 2 non hanno osservato cambiamenti sostanziali. In tutti i casi c’è stato un miglioramento oggettivo dell’articolarità passiva e attiva.
Conclusioni. Considerando i dati ottenuti, il release artroscopico rappresenta, a nostro avviso, una metodica poco invasiva, di rapida esecuzione e con buoni risultati e, quindi, un’alternativa meno traumatica alla mobilizzazione in narcosi.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail