Ricerca avanzata

Home > Riviste > Minerva Ortopedica e Traumatologica > Fascicoli precedenti > Minerva Ortopedica e Traumatologica 2006 Agosto;57(4) > Minerva Ortopedica e Traumatologica 2006 Agosto;57(4):305-12

FASCICOLI E ARTICOLI   I PIÙ LETTI   eTOC

ULTIMO FASCICOLOMINERVA ORTOPEDICA E TRAUMATOLOGICA

Rivista di Ortopedia e Traumatologia


Official Journal of the Piedmontese-Ligurian-Lombard Society of Orthopedics and Traumatology
Indexed/Abtracted in: EMBASE, Scopus, Emerging Sources Citation Index

 

Minerva Ortopedica e Traumatologica 2006 Agosto;57(4):305-12

LE FRATTURE DELLA GLENO-OMERALE.SINTESI, PROTESI, ARTROSCOPIA:TECNICHE A CONFRONTO 

 OSTEOSINTESI DELLE FRATTURE PROSSIMALI

La fissazione interna nelle fratture scomposte di omero prossimale con Locking Compression Plate (LCP): risultati a medio termine

Biasibetti A. 1, Maderni A. 1, Aprato A. 2, Sisto R. 1, Massè A. 3

1 Department of Traumatology Orthopaedic and Traumatological Hospital of Turin, Italy
2 Faculty of Medicine and Surgery University of Turin, Italy
3 I Clinic of Orthopaedic and Traumatology University of Turin, Italy

Obiettivo. Il trattamento delle fratture scomposte di omero prossimale è molto discusso da quando, dopo un’iniziale entusiasmo, la sostituzione protesica ha mostrato risultati non facilmente riproducibili. Questo studio ha come obiettivo la valutazione clinica e radiografica a medio termine del trattamento di riduzione e sintesi interna delle fratture di omero prossimale.
Metodi. Trentatre pazienti con fratture di omero prossimale sono stati sottoposti ad intervento di riduzione e sintesi interna con placca Locking Compression Plate (SYNTHES-Mathys), a partire dal gennaio 2003. Due valutazioni, a 6 e a 12 mesi di follow-up sono state condotte utilizzando il Constant-Murley score e il Constant-Murley’s score modificato per età e per sesso.
Risultati. A 6 mesi di follow-up il punteggio medio al Constant-Murley’s score era di 75.65 punti (range da 28 a 100) mentre a 12 mesi era di 75.65 (range da 34 a 100) con una differenza statisticamente significativa (p<0.01). La media al Constant modificato per età e per sesso era di 83.07 a 6 mesi e di 90.58 a 12 mesi. I risultati ottenuti mostrano una correlazione negativa tra l’età del paziente e il Constant a 12 mesi. Al momento nessun paziente è stato sottoposto ad un intervento di sostituzione protesica mentre radiograficamente solo un paziente ha mostrato una necrosi parziale della testa omerale senza sintomatologia clinica.
Conclusioni. La riduzione e sintesi interna con viti e placa LCP mostra buoni risultati funzionali nella maggior parte dei pazienti. Questa opzione andrebbe considerata, a nostro giudizio anche nei pazienti con fratture complesse e con un alto rischio di necrosi avascolare della testa omerale.Obiettivo. Il trattamento delle fratture scomposte di omero prossimale è molto discusso da quando, dopo un’iniziale entusiasmo, la sostituzione protesica ha mostrato risultati non facilmente riproducibili. Questo studio ha come obiettivo la valutazione clinica e radiografica a medio termine del trattamento di riduzione e sintesi interna delle fratture di omero prossimale.
Metodi. Trentatre pazienti con fratture di omero prossimale sono stati sottoposti ad intervento di riduzione e sintesi interna con placca Locking Compression Plate (SYNTHES-Mathys), a partire dal gennaio 2003. Due valutazioni, a 6 e a 12 mesi di follow-up sono state condotte utilizzando il Constant-Murley score e il Constant-Murley’s score modificato per età e per sesso.
Risultati. A 6 mesi di follow-up il punteggio medio al Constant-Murley’s score era di 75.65 punti (range da 28 a 100) mentre a 12 mesi era di 75.65 (range da 34 a 100) con una differenza statisticamente significativa (p<0.01). La media al Constant modificato per età e per sesso era di 83.07 a 6 mesi e di 90.58 a 12 mesi. I risultati ottenuti mostrano una correlazione negativa tra l’età del paziente e il Constant a 12 mesi. Al momento nessun paziente è stato sottoposto ad un intervento di sostituzione protesica mentre radiograficamente solo un paziente ha mostrato una necrosi parziale della testa omerale senza sintomatologia clinica.
Conclusioni. La riduzione e sintesi interna con viti e placa LCP mostra buoni risultati funzionali nella maggior parte dei pazienti. Questa opzione andrebbe considerata, a nostro giudizio anche nei pazienti con fratture complesse e con un alto rischio di necrosi avascolare della testa omerale.

lingua: Inglese, Italiano


FULL TEXT  ESTRATTI

inizio pagina