Home > Riviste > Minerva Ortopedica e Traumatologica > Fascicoli precedenti > Minerva Ortopedica e Traumatologica 2006 August;57(4) > Minerva Ortopedica e Traumatologica 2006 August;57(4):293-6

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA ORTOPEDICA E TRAUMATOLOGICA

Rivista di Ortopedia e Traumatologia


Official Journal of the Piedmontese-Ligurian-Lombard Society of Orthopedics and Traumatology
Indexed/Abtracted in: EMBASE, Scopus, Emerging Sources Citation Index


eTOC

 

CHIRURGIA COMPLESSA:TECNICHE PARTICOLARI  TENDENZE ATTUALI NELLA MODERNA CHIRURGIA DELL’ANCA. MODE E REALI NOVITÀ NEL 1° IMPIANTO


Minerva Ortopedica e Traumatologica 2006 August;57(4):293-6

lingua: Italiano

Complicanze nella protesizzazione totale d’anca con tecnica mini-invasiva

Mora R., Pedrotti L., Bertani B., Tuvo G., Galli G. B., Crivellari I.

Clinica Ortopedica e Traumatologica Università degli Studi di di Pavia Polo Universitario ''Città di Pavia'', Pavia


PDF  


Il confronto fra i risultati di protesizzazioni d’anca eseguite con tecnica “mini-invasiva” e con tecnica “tradizionale” è reso difficile da vari motivi fra cui: assenza di definizione di mini-invasività universalmente accettata, influenza dell’esperienza individuale sulla invasività dell’approccio chirurgico, criteri di selezione dei pazienti, tipo di protesi, modalità di trattamento postoperatorio e modalità di riabilitazione, via d’accesso seguita (singola incisione con via d’accesso mediale, anteriore, anterolaterale, laterale diretta, posterolaterale o doppia incisione). Evidentemente le possibili complicanze locali e generali, precoci e tardive, sono le stesse delle protesizzazioni tradizionali; in particolare, i potenziali svantaggi della mini-invasività sono in rapporto con il campo visivo ristretto e con la difficoltà di osservazione di punti di riferimento e di strutture vitali. Una accurata valutazione della letteratura evidenzia due aspetti contrastanti: bassa percentuale di complicanze in alcune casistiche, elevata (o eccessivamente elevata) percentuale di complicanze in altre. Nella nostra casistica di 74 casi, con follow-up da 6 a 42 mesi, i risultati clinici e radiografici sono stati molto favorevoli e la frequenza di complicanze è stata molto modesta, a conferma del fatto che con indicazioni non esasperate, in mani esperte e con tecnica accurata le complicanze possono essere minimizzate e i risultati sono incoraggianti.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail