Home > Riviste > Minerva Ortopedica e Traumatologica > Fascicoli precedenti > Minerva Ortopedica e Traumatologica 2006 August;57(4) > Minerva Ortopedica e Traumatologica 2006 August;57(4):217-20

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA ORTOPEDICA E TRAUMATOLOGICA

Rivista di Ortopedia e Traumatologia


Official Journal of the Piedmontese-Ligurian-Lombard Society of Orthopedics and Traumatology
Indexed/Abtracted in: EMBASE, Scopus, Emerging Sources Citation Index


eTOC

 

LE PROTESI  TENDENZE ATTUALI NELLA MODERNA CHIRURGIA DELL’ANCA. MODE E REALI NOVITÀ NEL 1° IMPIANTO


Minerva Ortopedica e Traumatologica 2006 August;57(4):217-20

Copyright © 2006 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Italiano

Chirurgia mini-invasiva nella protesica d’anca con stelo dedicato a parziale conservazione del collo Nanos

Parente F., Auliso M., Gardelin P.

Istituto Clinico S. Siro, Milano


PDF  


L’artroplastica totale dell’anca si avvale oggi di nuove soluzioni chirurgiche e nuovi materiali al fine di essere più rispettosi nei confronti dell’osso e dei tessuti molli circostanti. La filosofia chirurgica tissue sparing surgery (TSS) ben esprime questi concetti. Il rispetto del bone stock può avvenire utilizzando steli meno invasivi, come quelli a conservazione totale o parziale del collo femorale. Questi impianti protesici facilitano l’adozione di vie d’accesso più rispettose dei tessuti molli periarticolari rispetto agli steli tradizionali. Conservare il collo femorale consente, inoltre, una ricostruzione più agevole della geometria articolare.
La nostra esperienza parte nel settembre 2002, con l’utilizzo dello stelo Mayo® (Zimmer Inc, Warsaw, IN, USA) e successivamente dello stelo Nanos® (Plus Orthopedics). Da settembre 2002 a settembre 2006 vengono eseguiti 168 impianti con steli a conservazione e tecnica mini-invasiva.
La via chirurgica praticata è la postero-laterale, con la preservazione del muscolo piriforme.
I risultati preliminari sono incoraggianti, l’approccio mini-invasivo consente una minor perdita ematica e un recupero funzionale più rapido. I risultati migliori nell’immediato postoperatorio, dal punto di vista funzionale, vanno in seguito ad allinearsi con quelli di una via tradizionale nel medio/lungo periodo. Il monitoraggio costante dei risultati nel tempo sarà l’elemento fondamentale per la validazione definitiva del sistema.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail