Home > Riviste > Minerva Ortopedica e Traumatologica > Fascicoli precedenti > Minerva Ortopedica e Traumatologica 2006 August;57(4) > Minerva Ortopedica e Traumatologica 2006 August;57(4):199-20

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA ORTOPEDICA E TRAUMATOLOGICA

Rivista di Ortopedia e Traumatologia


Official Journal of the Piedmontese-Ligurian-Lombard Society of Orthopedics and Traumatology
Indexed/Abtracted in: EMBASE, Scopus, Emerging Sources Citation Index


eTOC

 

LE TECNICHE TISSUE SPARING SURGERY (T.S.S.)  TENDENZE ATTUALI NELLA MODERNA CHIRURGIA DELL’ANCA. MODE E REALI NOVITÀ NEL 1° IMPIANTO


Minerva Ortopedica e Traumatologica 2006 August;57(4):199-20

lingua: Italiano

La via di accesso anterolaterale mininvasiva all’anca (accesso OCM) nell’intervento di protesi d’anca: considerazioni tecniche e cliniche in 100 casi

Bombelli M., Mayr M., Tschauner C.

Dipartimento di Ortopedia e Traumatologia Ospedale Centrale di Bolzano, Bolzano


PDF  


L’adattamento della classica via chirurgica anterolaterale di Watson Jones secondo i criteri di minima invasività così come praticata nella tecnica OCM è caratterizzata da una completa preservazione delle strutture miotendinee senza dover ricorrere al alcun distacco ai fini di una adeguata esposizione chirurgica rendendo così superflua la ricostruzione di strutture funzionalmente rilevanti, creando i presupposti per un veloce recupero funzionale attivo del paziente. L’esposizione acetabolare e femorale necessita di alcuni accorgimenti chirurgici peculiari mentra la preparazione sia dell’acetabolo sia del femore è facilitata dall’uso di strumenti adeguati con frese cardaniche e porta raspe di idonea sagomatura. L’accurateza del posizionamento delle componenti protesiche non è inficiata dalla ridotta esposizione chirurgica. I sorprendenti risultati clinici oggettivi e soggettivi testimoniano la validità del presupposto anatomico di integrità funzionale, rigorosamente preservato, e sono dimostrazione clinica di stabilità dell’impianto protesico già verificabile in ogni fase di valutazione intraoperatoria. Anche a distanza di 12 mesi non si sono verificate formazioni di ossificazioni eterotopiche nonostante l’assenza di una terapia farmacologia preventiva.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail