Home > Riviste > Minerva Ortopedica e Traumatologica > Fascicoli precedenti > Minerva Ortopedica e Traumatologica 2006 June;57(3) > Minerva Ortopedica e Traumatologica 2006 June;57(3):189-94

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA ORTOPEDICA E TRAUMATOLOGICA

Rivista di Ortopedia e Traumatologia


Official Journal of the Piedmontese-Ligurian-Lombard Society of Orthopedics and Traumatology
Indexed/Abtracted in: EMBASE, Scopus, Emerging Sources Citation Index


eTOC

 

CASI CLINICI  


Minerva Ortopedica e Traumatologica 2006 June;57(3):189-94

Copyright © 2006 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Italiano

Una raccolta emorragica intramuscolare non è sempre un ematoma post-traumatico

Sacco F., Gino G. C., Faletti C., Pozza S., Boffano M., Mosetto F., Albertini U., Piana R., Forni M., Linari A., Comandone A., Brach del Prever E. M.

1 Dipartimento di Ortopedia e Traumatologia Unità Operativa Dipartimentale di Chirurgia Ortopedica Oncologica e Ricostruttiva, ASO CTO, CRF, MA, Torino 2 Dipartimento di Radiologia ASO CTO, CRF, MA, Torino 3 Servizio di Anatomia Patologica ASO OIRM, S. Anna, Torino 4 SCDO Oncologia Medica Ospedale Gradenigo, Torino


PDF  


Le raccolte emorragiche intramuscolari sono frequenti in traumatologia e/o in pazienti con patologie della coagulazione, ma sono anche un quadro clinico tipico di sarcomi di alto grado. Una diagnosi errata può portare ad un trattamento inefficace. Obiettivo dello studio è stato quello di valutare il percorso diagnostico e terapeutico di una massa emorragica intramuscolare in 3 casi esemplificativi alla luce delle linee guida (LG) della Regione Piemonte per la diagnosi e il trattamento dei sarcomi delle parti molli. Dalla casistica dell’UOD di Chirurgia Ortopedica Oncologica e Ricostruttiva dell’ASO CTO, CRF, MA, Centro di Riferimento per i Sarcomi dell’Osso e dei Tessuti Molli, Polo Cittadella della Rete Oncologica Piemontese, sono stati selezionati 3 casi di sarcoma di alto grado inizialmente trattati come ematomi intramuscolari. Il percorso diagnostico e terapeutico è stato confrontato con le LG. I pazienti, età media 64 anni, non assumevano farmaci con aumento del rischio emorragico e non riferivano traumi importanti; l’ipotesi diagnostica su base ecografica di ematoma portava al trattamento di drenaggio con vie d’accesso non adeguate. La diagnosi definitiva era di sarcoma fusocellulare, alto grado, asportato chirurgicamente con margini ampi e conservazione dell’arto. I sarcomi dei tessuti molli, specie di alto grado nell’anziano, possono simulare un ematoma. Ogni massa sospetta agli arti deve essere indagata con anamnesi, esame obiettivo ed eventuali ecografia e radiografia; nel caso di dubbio diagnostico è consigliabile l’invio presso un centro di riferimento.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail