Home > Riviste > Minerva Ortopedica e Traumatologica > Fascicoli precedenti > Minerva Ortopedica e Traumatologica 2006 Giugno;57(3) > Minerva Ortopedica e Traumatologica 2006 Giugno;57(3):97-103

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA ORTOPEDICA E TRAUMATOLOGICA

Rivista di Ortopedia e Traumatologia


Official Journal of the Piedmontese-Ligurian-Lombard Society of Orthopedics and Traumatology
Indexed/Abtracted in: EMBASE, Scopus, Emerging Sources Citation Index


eTOC

 

ARTICOLI ORIGINALI  


Minerva Ortopedica e Traumatologica 2006 Giugno;57(3):97-103

lingua: Italiano

Valutazione a medio-lungo termine degli esiti delle lesioni dell’anello pelvico

Gallo A., Fiorilla C., Vigna Suria M., Massè A.

1 I Clinica Ortopedica e Traumatologica A.S.O. C.T.O-C.R.F., Maria Adelaide, Torino
2 Divisione di Urologia D’Urgenza A.S.O. C.T.O-C.R.F., Maria Adelaide, Torino


PDF  


Obiettivo. Lo scopo di questo articolo è la valutazione, mediante scheda a punteggio numerico, della qualità di vita a medio-lungo termine nel paziente che ha subito un trauma pelvico.
Metodi. Nello studio sono stati inclusi 33 pazienti con lesione instabile dell’anello pelvico. I pazienti sono stati valutati tramite una nuova scala di valutazione a punteggio numerico appositamente creata.
Risultati. L’età media del campione considerato è di 43,9 anni. Il tempo medio di follow-up è di 14,5 mesi. Solo 9 pazienti su 33 (28%) hanno uno score funzionale eccellente e una qualità di vita paragonabile a prima del trauma. Il 72% dei pazienti ha una ridotta funzionalità osteomuscolare, il 30% ha una disfunzione urinaria, il 45% ha una disfunzione sessuale.
Conclusioni. I traumi dell’anello pelvico hanno un importante impatto negativo sulla qualità di vita dell’individuo. Un approccio multidisciplinare in acuto e nel follow-up del paziente è fondamentale per assicurare la migliore qualità di vita possibile per il paziente.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail