Home > Riviste > Minerva Ortopedica e Traumatologica > Fascicoli precedenti > Minerva Ortopedica e Traumatologica 2006 February;57(1) > Minerva Ortopedica e Traumatologica 2006 February;57(1):11-5

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA ORTOPEDICA E TRAUMATOLOGICA

Rivista di Ortopedia e Traumatologia


Official Journal of the Piedmontese-Ligurian-Lombard Society of Orthopedics and Traumatology
Indexed/Abtracted in: EMBASE, Scopus, Emerging Sources Citation Index


eTOC

 

ARTICOLI ORIGINALI  


Minerva Ortopedica e Traumatologica 2006 February;57(1):11-5

Copyright © 2006 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Italiano

Rizoartrosi: revisione critica di 34 casi trattati con trapeziectomia e artroplastica in sospensione secondo Ceruso

Mazzone V., Ramini F.

U. O. di Ortopedia, Ospedale Mazzoni ASUR Marche Z.T.13, Ascoli Piceno


PDF  


Obiettivo. Lo scopo di questo lavoro è la revisione critica della nostra esperienza su 34 casi di rizoartrosi trattati con l’intervento di artroplastica con interposizione tendinea secondo la tecnica di Weilby-Ceruso.
Metodi. Dal 1998 a oggi sono stati sottoposti a intervento di artroplastica in sospensione secondo Weilby modificata Ceruso 62 pazienti, 11 di sesso maschile e 51 di sesso femminile, di età compresa tra i 48 e i 77 anni. Considerando il lasso di tempo necessario per un adeguato follow-up, sono stati esclusi dai controlli i pazienti operati negli ultimi 2 anni. Pertanto, su un totale di 42 casi ammessi allo studio, abbiamo ricontrollato 34 pazienti con un follow-up tra i 2 e i 7 anni. Di questi, 5 erano di sesso maschile e 29 di sesso femminile, di età compresa tra i 48 e i 74 anni.
Risultati. I risultati ottenuti nel medio periodo appaiono senza dubbio soddisfacenti. L’intervento dimostra, quindi, di poter essere di grande soddisfazione per il paziente, anche se, nei primi 2 mesi postoperatori, si nota con frequenza elevata la persistenza di dolori legati verosimilmente all’assestamento della plastica tendinea.
Conclusioni. In accordo con la letteratura più recente l’esperienza degli Autori conferma che questa tecnica può essere considerata una valida prima scelta nel trattamento della rizoartrosi in alternativa all’artrodesi.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail