Home > Riviste > Minerva Ortopedica e Traumatologica > Fascicoli precedenti > Minerva Ortopedica e Traumatologica 2005 Dicembre;56(6) > Minerva Ortopedica e Traumatologica 2005 Dicembre;56(6):489-95

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA ORTOPEDICA E TRAUMATOLOGICA

Rivista di Ortopedia e Traumatologia


Official Journal of the Piedmontese-Ligurian-Lombard Society of Orthopedics and Traumatology
Indexed/Abtracted in: EMBASE, Scopus, Emerging Sources Citation Index


eTOC

 

ARTICOLI ORIGINALI  


Minerva Ortopedica e Traumatologica 2005 Dicembre;56(6):489-95

lingua: Inglese, Italiano

Release chirurgico del tunnel carpale con la tecnica Indiana Tome

Piscopo A., Palmieri M., Lamanna M., Di Palma F., Zanchini F.

First Department of Orthopedics and Traumatology Faculty of Medicine and Surgery Second University of Naples, Naples, Italy


PDF  


Obiettivo. Tra i vari interventi chirurgici effettuati in day surgery nella Clinica Ortopedica e Traumato-logica della Seconda Università di Napoli, il più frequente è il trattamento cruento della sindrome del tunnel carpale. Per diversi anni, sono state utilizzate tecniche chirurgiche con un’esposizione più o meno ampia per ottenere la neurolisi del mediano al carpo. Scopo di questo studio è illustrare la tecnica chirurgica mini-invasiva di Strickland e presentare i primi risultati della nostra casistica.
Metodi. Dal marzo 1998 all’aprile 2001 è stata utilizzata la tecnica Indiana Tome seguendo i principi di Strickland, attraverso l’accesso palmare. Centotrentasei pazienti sono stati operati, 130 di sesso femminile e 6 di sesso maschile, per un totale di 150 decompressioni. In 14 casi l’operazione è stata bilaterale. L’età dei pazienti oscillava tra i 24 e i 66 anni. Questo studio è stato effettuato con i primi 80 pazienti operati.
Risultati. In 2 casi sono state riscontrate lesioni del nervo mediano (branca sensitiva digitale diretta al 1° e 2° dito nel primo caso, e 2° e 3° dito nel secondo caso). Una paziente ha avuto una lieve forma di algodistrofia della mano, risolta in circa 2 mesi. Due pazienti, di sesso maschile, per il persistere della parestesia alle dita, sono stati rioperati con tecnica chirurgica tradizionale.
Conclusioni. I motivi che ci hanno spinto a usare questa tecnica, secondo i principi di Strickland, sono stati un minor trauma tissutale per il ridotto accesso, un più rapido decorso postoperatorio, un precoce ritorno alla vita di tutti i giorni.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail