Ricerca avanzata

Home > Riviste > Minerva Ortopedica e Traumatologica > Fascicoli precedenti > Minerva Ortopedica e Traumatologica 2005 Agosto;56(4) > Minerva Ortopedica e Traumatologica 2005 Agosto;56(4):371-4

FASCICOLI E ARTICOLI   I PIÙ LETTI   eTOC

ULTIMO FASCICOLOMINERVA ORTOPEDICA E TRAUMATOLOGICA

Rivista di Ortopedia e Traumatologia

Official Journal of the Piedmontese-Ligurian-Lombard Society of Orthopedics and Traumatology
Indexed/Abtracted in: EMBASE, Scopus, Emerging Sources Citation Index

Periodicità: Trimestrale

ISSN 0026-4911

Online ISSN 1827-1707

 

Minerva Ortopedica e Traumatologica 2005 Agosto;56(4):371-4

102° CONGRESSO DELLA SOCIETA' PIEMONTESE-LIGURE-LOMBARDA DI ORTOPEDIA E TRAUMATOLOGIA (S.P.L.L.O.T.) - Brescia, 9-10 settembre 2005
LE NUOVE TECNOLOGIE, I MODERNI STRUMENTARI IN CHIRURGIA PROTESICA 

 AGGIORNAMENTI IN TEMA DI FRATTURE

Il sistema locking compression plate nelle fratture periprotesiche

Maggi F., Lanzani E., Costa G.

Servizio Interdivisionale di Traumatologia Istituto Ortopedico Gaetano Pini, Milano

L’osteosintesi delle fratture periprotesiche del femore viene classicamente realizzata con placche che consentono l’utilizzo di cerchiaggi metallici a livello della protesi ove non è possibile inserire viti. Il sistema locking compression plate (LCP), con viti a stabilità angolare che si solidarizzano con la placca, permette l’utilizzo di viti monocorticali a punta tronca che, oltre alla possibilità di impiegare cerchiaggi, offrono maggiore stabilità al montaggio.

lingua: Italiano


FULL TEXT  ESTRATTI

inizio pagina