Home > Riviste > Minerva Ortopedica e Traumatologica > Fascicoli precedenti > Minerva Ortopedica e Traumatologica 2005 Agosto;56(4) > Minerva Ortopedica e Traumatologica 2005 Agosto;56(4):351-4

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA ORTOPEDICA E TRAUMATOLOGICA

Rivista di Ortopedia e Traumatologia


Official Journal of the Piedmontese-Ligurian-Lombard Society of Orthopedics and Traumatology
Indexed/Abtracted in: EMBASE, Scopus, Emerging Sources Citation Index


eTOC

 

AGGIORNAMENTI IN TEMA DI FRATTURE  102° CONGRESSO DELLA SOCIETA' PIEMONTESE-LIGURE-LOMBARDA DI ORTOPEDIA E TRAUMATOLOGIA (S.P.L.L.O.T.) - Brescia, 9-10 settembre 2005
LE NUOVE TECNOLOGIE, I MODERNI STRUMENTARI IN CHIRURGIA PROTESICA


Minerva Ortopedica e Traumatologica 2005 Agosto;56(4):351-4

lingua: Italiano

Risultati preliminari nel trattamento delle fratture laterali del collo femorale con placca di Gotfried

Berruti D., Gelosa G., Brignoli A., Marinoni E. C.

Clinica Ortopedica Azienda Ospedaliera San Gerardo Università degli Studi Milano Bicocca, Milano


PDF  


Obiettivo. L’incidenza mondiale delle fratture del terzo prossimale di femore è in costante crescita con l’aumento dell’età media della popolazione. Pertanto questa patologia rappresenta un’importante causa di morbilità e mortalità in tutte le fasce di età, in particolare tra i soggetti più anziani. La placca di Gotfried consente di ridurre morbidità e mortalità di queste fratture e di ridurre le relative spese socio-sanitarie. L’obiettivo di questa nuova metodica è diminuire le complicanze post-operatorie, sistemiche e locali, soprattutto in pazienti fragili e instabili, così da migliorare la compliance e la rieducazione alle consuete attività quotidiane. Lo scopo di questo studio era valutare i vantaggi perioperatori e i risultati a breve termine di questa tecnica.
Metodi. È stato condotto uno studio osservazionale su una serie consecutiva di 50 pazienti (16 di sesso maschile e 34 di sesso femminile, età media 72,2 anni) trattati per frattura pertrocanterica presso la Clinica Ortopedica dell’Azienda Ospedaliera San Gerardo tra il gennaio 2004 e il gennaio 2005. In tutti i pazienti è stata eseguita l’osteosintesi mediante l’utilizzo della placca di Gotfrie.
Risultati. Il follow up è stato di 6 mesi. La durata media dell’intervento chirurgico è stata di 42 min (35-50) tenendo in considerazione la curva di apprendimento; mediamente la perdita ematica intraoperatoria è stata di 100 cc. Il valore medio dell’ematocrito è stato del 35% (30-50%), quello dell’emoglobina di 10,2 g/dl (7,8-10,6).
Conclusioni. La placca di Gotfried si è, dunque, dimostrata una valida alternativa nel trattamento delle fratture pertrocanteriche stabili e instabili. Essa offre la possibilità di ridurre morbidità e mortalità che gravano sulle fratture laterali del terzo prossimale di femore con integrità del muro laterale e, di conseguenza, di ridurre le spese socio-sanitarie ad esse correlate. I risultati preliminari ottenuti in questo studio sono apparentemente buoni e rispecchiano le prerogative esposte dagli Autori.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail