Ricerca avanzata

Home > Riviste > Minerva Ortopedica e Traumatologica > Fascicoli precedenti > Minerva Ortopedica e Traumatologica 2005 Agosto;56(4) > Minerva Ortopedica e Traumatologica 2005 Agosto;56(4):157-63

FASCICOLI E ARTICOLI   I PIÙ LETTI   eTOC

ULTIMO FASCICOLOMINERVA ORTOPEDICA E TRAUMATOLOGICA

Rivista di Ortopedia e Traumatologia

Official Journal of the Piedmontese-Ligurian-Lombard Society of Orthopedics and Traumatology
Indexed/Abtracted in: EMBASE, Scopus, Emerging Sources Citation Index

Periodicità: Trimestrale

ISSN 0026-4911

Online ISSN 1827-1707

 

Minerva Ortopedica e Traumatologica 2005 Agosto;56(4):157-63

102° CONGRESSO DELLA SOCIETA' PIEMONTESE-LIGURE-LOMBARDA DI ORTOPEDIA E TRAUMATOLOGIA (S.P.L.L.O.T.) - Brescia, 9-10 settembre 2005
LE NUOVE TECNOLOGIE, I MODERNI STRUMENTARI IN CHIRURGIA PROTESICA 

 AGGIORNAMENTI SULLA PROTESICA D’ANCA

La mini-invasività nelle protesi d’anca con approccio anterolaterale con uso di steli retti

Bombelli M., Mayr M., Tschauner C.

Unità di Ortopedia e Traumatologia Ospedale Centrale di Bolzano, Bolzano

L’accesso mini-invasivo anterolaterale all’anca in paziente posto in decubito controlaterale si è rivelato una via chirurgica molto adatta per l’impianto protesico. Il sacrificio minimo delle inserzioni miotendinee rappresenta la caratteristica principale di questo accesso giustificandone il termine “mini-invasivo”. L’uso di uno strumentario con off-set idoneo alla preparazione dell’acetabolo e all’impianto cotiloideo è di fondamentale importanza così come il posizionamento del paziente e la gestione dell’arto durante l’intervento.
L’inusuale posizionamento del femore in rotazione esterna, adduzione ed estensione consente l’approccio al canale femorale senza conflitto con il medio gluteo anche nell’uso di steli retti e rappresenta la chiave di successo. La curva di apprendimento è determinata da peculiarità non comuni ad altre vie di accesso di minima invasività e richiede una disposizione del chirurgo a una notevole modifica delle sue abitudini per non incorrere nelle insidie che questo tipo di approccio cela.
Questa tecnica chirurgica riduce il dolore postoperatorio e favorisce un importante e precoce recupero funzionale, caratterizzato da cambi di postura complessi già nell’immediato postoperatorio con risvolto positivo nel recupero dell’autonomia del paziente.

lingua: Italiano


FULL TEXT  ESTRATTI

inizio pagina