Home > Riviste > Minerva Ortopedica e Traumatologica > Fascicoli precedenti > Minerva Ortopedica e Traumatologica 2005 June;56(3) > Minerva Ortopedica e Traumatologica 2005 June;56(3):121-6

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA ORTOPEDICA E TRAUMATOLOGICA

Rivista di Ortopedia e Traumatologia


Official Journal of the Piedmontese-Ligurian-Lombard Society of Orthopedics and Traumatology
Indexed/Abtracted in: EMBASE, Scopus, Emerging Sources Citation Index


eTOC

 

ARTICOLI ORIGINALI  


Minerva Ortopedica e Traumatologica 2005 June;56(3):121-6

Copyright © 2005 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Italiano

Decompressione sub-acromiale artroscopica versus riparazione bilanciata artroscopica nel trattamento chirurgico delle lesioni massive della cuffia dei rotatori

Mariotti U. 1, Motta P. O. 1, Vassoney P. F. 1, Stroppiana F. 2, Caranzano F. 2

1 Unità Operativa di Chirurgia della Spalla CTO, Torino
2 Dipartimento di Ortopedia Clinica Ortopedica Universitaria I CTO, Torino


PDF  


Obiettivo. Le lesioni massive della cuffia dei rotatori possono essere trattate con 2 diverse tecniche di chirurgia artroscopica: la decompressione sub-acromiale (DSA) e la riparazione bilanciata associata a DSA. L’obiettivo di questo lavoro è paragonare i risultati clinici delle 2 tecniche chirurgiche e valutare eventuali discrepanze nel recupero della funzionalità articolare nel postoperatorio utilizzando la scala di Constant assoluta e comparata.
Metodi. Sono stati studiati 96 pazienti suddivisi in 2 gruppi in base al tipo di tecnica chirurgica utilizzata (gruppo A: DSA; gruppo B: riparazione bilanciata +DSA). In ciascun gruppo sono stati valutati: numero di casi, sesso, età del soggetto al momento dell’intervento, punteggio secondo la scala di Constant assoluta e comparata (al momento del riesame clinico).
Risultati. L’età media del gruppo in riesame al momento dell’intervento è stata di 63,48 anni. Il punteggio medio totale dopo l’intervento era pari a 59,38 per il gruppo A e a 78,94 per il gruppo B (P<0,001). Dividendo i pazienti per classi di merito, si è riscontrato come il 31,25% dei pazienti del gruppo A e l’81,25% dei pazienti del gruppo B ottenga un punteggio superiore a 70 secondo la Scala di Constant. Utilizzando la Scala di Constant modificata per età e sesso (scelta dovuta alla non omogeneità anagrafica del campione) il valore medio è stato di 0,80 nel gruppo A e di 0,98 nel gruppo B (P<0,001).
Conclusioni. Nonostante sia una tecnica più complessa rispetto alla sola DSA e richieda una lunga curva di apprendimento, la riparazione artroscopica si è dimostrata, in questo studio, il migliore trattamento chirurgico per le rotture massive della cuffia dei rotatori.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail