Ricerca avanzata

Home > Riviste > Minerva Ortopedica e Traumatologica > Fascicoli precedenti > Minerva Ortopedica e Traumatologica 2005 Febbraio;56(1) > Minerva Ortopedica e Traumatologica 2005 Febbraio;56(1):11-5

FASCICOLI E ARTICOLI   I PIÙ LETTI   eTOC

ULTIMO FASCICOLOMINERVA ORTOPEDICA E TRAUMATOLOGICA

Rivista di Ortopedia e Traumatologia


Official Journal of the Piedmontese-Ligurian-Lombard Society of Orthopedics and Traumatology
Indexed/Abtracted in: EMBASE, Scopus, Emerging Sources Citation Index

 

Minerva Ortopedica e Traumatologica 2005 Febbraio;56(1):11-5

 ARTICOLI ORIGINALI

Indice di Singh: una review della letteratura e la nostra esperienza in merito

Lollino N., Bruzzone M., Girardo M., Dettoni F., Collo G.

Divisione di Ortopedia e Traumatologia Ospedale Mauriziano, Torino

Obiettivo. L’indice di Singh (SI) è usato per la stima del grado di osteoporosi, mediante valutazione del radiogramma del femore prossimale; esso fornisce un dato sulla qualità dell’osso mediante un’analisi della struttura trabecolare della spongiosa. L’obiettivo della prima parte del presente studio è esaminare quale sia il giudizio presente in letteratura sul SI e per quali scopi esso sia utilizzato; nella seconda parte si intende invece stimare la variabilità operatore-dipendente nell’attribuzione di un determinato grado del SI.
Metodi. È stato svolto uno studio in cui diversi operatori hanno valutato una serie di radiogrammi in modo indipendente. Una serie di radiogrammi sono stati valutati mediante tecnica digitale su monitor.
Risultati. I risultati hanno mostrato come ci sia una buona correlazione tra operatori differenti nel giudizio sul SI. La valutazione tramite tecnica digitale sembra non migliorare la concordanza tra diversi operatori.
Conclusioni. L’indice di Singh risulta uno strumento pratico e affidabile come iniziale valutazione del grado di osteoporosi.

lingua: Italiano


FULL TEXT  ESTRATTI

inizio pagina