Home > Riviste > Minerva Ortopedica e Traumatologica > Fascicoli precedenti > Minerva Ortopedica e Traumatologica 2003 Dicembre;54(6) > Minerva Ortopedica e Traumatologica 2003 Dicembre;54(6):427-33

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA ORTOPEDICA E TRAUMATOLOGICA

Rivista di Ortopedia e Traumatologia


Official Journal of the Piedmontese-Ligurian-Lombard Society of Orthopedics and Traumatology
Indexed/Abtracted in: EMBASE, Scopus, Emerging Sources Citation Index


eTOC

 

ARTICOLI ORIGINALI  


Minerva Ortopedica e Traumatologica 2003 Dicembre;54(6):427-33

lingua: Italiano

Usura del polietilene nelle componenti acetabolari delle protesi totali d’anca

Zarattini G., Bonaspetti G., Imberti S., Pazzaglia U. E.

Clinica Ortopedica, Università degli Studi di Brescia, Brescia


PDF  


Obiettivo. La causa più frequente del fallimento delle protesi totali d’anca (PTA) è la mobilizzazione delle sue componenti dovuta all’usura del polietilene e alla successiva produzione di particelle di detriti. Nel nostro lavoro retrospettivo, sono stati presi in esame i pattern di usura del polietilene ad altissimo peso molecolare (ultra high molecular weight polyethylene, UHMWPE) al fine di valutare il ruolo della biomeccanica nel fallimento delle PTA.
Metodi. È stata effettuata un’analisi macrostrutturale e microstrutturale delle componenti protesiche di un campione di 77 cotili acetabolari in UHMWPE ottenuti da interventi di revisione di PTA. I parametri considerati sono stati: la riduzione in spessore del cotile, la topografia e il tipo di usura. I dati ricavati sono stati poi correlati con il periodo di permanenza dell’impianto.
Risultati. I risultati del nostro studio hanno evidenziato che nei gradi di usura più destruenti si sono manifestate lesioni surface deformation e delamination, mentre nei gradi di usura più moderati è prevalsa l’osservazione di burnishing, abrasion e scratches, cioè lesioni caratteristiche del danno indotto dal movimento dei capi articolari e dalle sollecitazioni meccaniche sulla protesi. I risultati dello studio hanno consentito di rilevare una correlazione diretta tra la durata dell’impianto e il grado di usura. Si è, tuttavia, anche evidenziato che le 7 protesi più longeve, prese in esame, erano caratterizzate da un grado di usura minore.
Conclusioni. Sembrerebbe quindi che il successo dell’impianto (cioè una maggior durata della protesi), sia anche attribuibile a un suo buon posizionamento che ne riduce l’usura.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail