Home > Riviste > Minerva Ortopedica e Traumatologica > Fascicoli precedenti > Minerva Ortopedica e Traumatologica 2003 October;54(5) > Minerva Ortopedica e Traumatologica 2003 October;54(5):375-9

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA ORTOPEDICA E TRAUMATOLOGICA

Rivista di Ortopedia e Traumatologia


Official Journal of the Piedmontese-Ligurian-Lombard Society of Orthopedics and Traumatology
Indexed/Abtracted in: EMBASE, Scopus, Emerging Sources Citation Index


eTOC

 

  FRATTURE DI FEMORE


Minerva Ortopedica e Traumatologica 2003 October;54(5):375-9

lingua: Inglese

Frattura dell’anca in pazienti affetti da diabete mellito

Koukos A., Triantaphyllidis I., Koukos C., Georgakopoulos K., Choleris G.

Department of Orthopaedics E. Dimitriou Hospital, Florina, Greece


PDF  


Obiettivo. Rispetto alla popolazione generale la frattura dell’anca si verifica con maggiore frequenza nei pazienti affetti da diabete mellito, di tipo I oppure di tipo II.
Metodi. È stato condotto uno studio retrospettivo su 100 pazienti affetti da diabete mellito di tipo I o di tipo II da 10-30 anni, su di un totale di 970 pazienti che hanno riportato una frattura dell’anca, durante il periodo 1980-1999.
Risultati. Rispetto alla popolazione generale, abbiamo riscontrato una maggiore incidenza di fratture dell’anca nei pazienti affetti da diabete, indipendentemente dal tipo di diabete. Inoltre, le fratture intertrocanteriche risultano essere prevalenti rispetto alle fratture del collo del femore nei pazienti in terapia farmacologica con ipoglicemizzanti orali o con insulina. Il rapporto delle fratture intertrocanteriche rispetto alle fratture del collo del femore in questi pazienti è di 3,5:1, mentre il medesimo rapporto nella popolazione generale è di 2,3:1.
Conclusioni. Nei pazienti da lungo tempo affetti da diabete mellito è riscontrabile un grado avanzato di osteoporosi e contemporaneamente debolezza muscolare. Ciò comporta una maggiore incidenza di fratture a livello dell’anca.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail