Home > Riviste > Minerva Ortopedica e Traumatologica > Fascicoli precedenti > Minerva Ortopedica e Traumatologica 2003 October;54(5) > Minerva Ortopedica e Traumatologica 2003 October;54(5):369-74

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA ORTOPEDICA E TRAUMATOLOGICA

Rivista di Ortopedia e Traumatologia


Official Journal of the Piedmontese-Ligurian-Lombard Society of Orthopedics and Traumatology
Indexed/Abtracted in: EMBASE, Scopus, Emerging Sources Citation Index


eTOC

 

  FRATTURE DI FEMORE


Minerva Ortopedica e Traumatologica 2003 October;54(5):369-74

lingua: Italiano

Nuove frontiere di fissaggio delle protesi di femore

Giannini S., Moroni A., Faldini C., Grandi G., Romagnoli M.

Clinica Ortopedica Istituto Ortopedico Rizzoli, Bologna


PDF  


Obiettivo. La fissazione stabile delle componenti protesiche dell’anca all’osso è essenziale per garantire risultati ottimali a lungo termine. La fissazione delle protesi d’anca può essere cementata, non cementata e biologica. Scopo di questo lavoro è riportare i nostri risultati sperimentali e clinici e revisionare la letteratura riguardo i rivestimenti di superficie nella fissazione protesica.
Metodi. È stata compiuta una ricerca bibliografica dei principali lavori.
Risultati. L’efficacia dei rivestimenti di idrossiapatite nelle protesi d’anca è stata confermata da studi sia sperimentali che clinici.
Conclusioni. L’analisi della letteratura e i nostri studi dimostrano che il rivestimento di idrossiapatite a elevata cristallinità è in grado di migliorare l’osteointegrazione e la stabilità meccanica di protesi a superficie sia liscia che porous coated.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail