Home > Riviste > Minerva Ortopedica e Traumatologica > Fascicoli precedenti > Minerva Ortopedica e Traumatologica 2003 Agosto;54(4) > Minerva Ortopedica e Traumatologica 2003 Agosto;54(4):271-88

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA ORTOPEDICA E TRAUMATOLOGICA

Rivista di Ortopedia e Traumatologia


Official Journal of the Piedmontese-Ligurian-Lombard Society of Orthopedics and Traumatology
Indexed/Abtracted in: EMBASE, Scopus, Emerging Sources Citation Index


eTOC

 

REVIEW  


Minerva Ortopedica e Traumatologica 2003 Agosto;54(4):271-88

lingua: Italiano

La protesi a menisco mobile

Aglietti P., Zampetti P. G., Baldini A., Vena L. M., Lup D., Deluca L.

I Clinica Ortopedica Università degli Studi di Firenze, Firenze


PDF  


Le protesi totali di ginocchio a menisco mobile sono una categoria di protesi in cui, all’inserto articolare in polietilene interposto tra la componente femorale e quella tibiale, è permesso di muoversi con varie modalità. Questo tipo di protesi è stato introdotto alla fine degli anni ’70 con l’intento di ridurre l’usura, grazie a superfici articolari altamente congruenti e di permettere alla componente polietilenica di ruotare e scivolare sul piatto tibiale. Entrambi gli obiettivi pongono il razionale per l’utilizzo di queste protesi in pazienti relativamente giovani e attivi. Un altro obiettivo delle protesi a menisco mobile è quello di riprodurre una cinematica simile a quella fisiologica. In questo articolo gli Autori analizzano la protesi a menisco mobile fino a oggi realizzate e riportano la loro esperienza con la protesi Meniscal Bearing Knee.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail