Home > Riviste > Minerva Ortopedica e Traumatologica > Fascicoli precedenti > Minerva Ortopedica e Traumatologica 2003 Giugno;54(3) > Minerva Ortopedica e Traumatologica 2003 Giugno;54(3):198-202

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA ORTOPEDICA E TRAUMATOLOGICA

Rivista di Ortopedia e Traumatologia


Official Journal of the Piedmontese-Ligurian-Lombard Society of Orthopedics and Traumatology
Indexed/Abtracted in: EMBASE, Scopus, Emerging Sources Citation Index


eTOC

 

LE DEFORMITÀ OSSEE E ARTICOLARI - RELAZIONI  100° CONGRESSO DELLA SOCIETÀ PIEMONTESE-LIGURE-LOMBARDA DI ORTOPEDIA E TRAUMATOLOGIA (S.P.L.L.O.T.) - Pavia, 20-21 giugno 2003


Minerva Ortopedica e Traumatologica 2003 Giugno;54(3):198-202

lingua: Italiano

Fratture talamiche di calcagno. Trattamento con sintesi a minima e apatite carbonata

Lanza F. 1, Rosa A. 2, De Luca A. 1, Ameri C. 1

1 Unità Operativa Ortopedia e Traumatologia, Dipartimento di Ortopedia, Azienda Ospedaliera Santa Corona, Pietra Ligure (SV)
2 Unità Operativa Radiologia, Dipartimento di Scienze Diagnostiche ed Alte Tecnologie, Azienda Ospedaliera Santa Corona, Pietra Ligure (SV)


Full text temporaneamente non disponibile on-line. Contattaci  


Obiettivo. Scopo di questo lavoro è valutare i risultati a medio termine delle fratture trattate con osteosintesi e minima con i fili di Kirchner percutanei e apatite carbonale.
Gli Autori prendono in considerazione 10 fratture talamiche di calcagno (9 maschi, 1 femmina; età media 54 anni) trattate nel periodo 1999/2000. Si sono avvalsi dello studio TC per meglio classificare e tipizzare le fratture in previsione del trattamento chirurgico. Hanno quindi proceduto a riduzione cruenta, a sintesi con fili di Kirshner percutanei, a riempimento del vacuum osseo con Apatite
Carbonata (Norian SRS), a immobilizzazione per un mese, a ripresa del carico a 45 giorni dopo la rimozione dei fili. I pazienti sono stati controllati clinicamente e radiograficamente a non meno di 24 mesi.
Risultati. I risultati sono stati i seguenti: eccellenti 0; buoni 7; discreti 2; cattivi 1. Si ritengono soddisfacenti i risultati riportati anche se il follow-up è ancora abbastanza precoce.
Conclusioni. Il sistema Norian ha dimostrato un’ottima tolleranza sia biologica che meccanica ma solo un parziale riassorbimento; ha consentito una più precoce ripresa del carico. La TC (assiale e 2D) ha dimostrato di essere l’indagine diagnostica più affidabile per la pianificazione preoperatoria e per la valutazione della ricostruzione post-operatoria.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail