Home > Riviste > Minerva Ortopedica e Traumatologica > Fascicoli precedenti > Minerva Ortopedica e Traumatologica 2003 April;54(2) > Minerva Ortopedica e Traumatologica 2003 April;54(2):93-100

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA ORTOPEDICA E TRAUMATOLOGICA

Rivista di Ortopedia e Traumatologia


Official Journal of the Piedmontese-Ligurian-Lombard Society of Orthopedics and Traumatology
Indexed/Abtracted in: EMBASE, Scopus, Emerging Sources Citation Index


eTOC

 

LE DEFORMITÀ OSSEE E ARTICOLARI - RELAZIONI  100° CONGRESSO DELLA SOCIETÀ PIEMONTESE-LIGURE-LOMBARDA DI ORTOPEDIA E TRAUMATOLOGIA (S.P.L.L.O.T.) - Pavia, 20-21 giugno 2003


Minerva Ortopedica e Traumatologica 2003 April;54(2):93-100

Copyright © 2003 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Italiano

Anatomia dell’anca. Displasia nell’adulto in relazione alla protesizzazione

Trevisan C., Marinoni E.C., Castoldi G., Furii S., Morganti A.

Clinica Ortopedica, Università degli Studi di Milano Bicocca Azienda Opedaliera S. Gerardo, Monza (MI)


PDF  


La displasia dell’anca è una malformazione congenita relativamente frequente per la quale l’applicazione di una protesi d’anca è una delle possibili soluzioni. La possibilità di ottenere risultati soddisfacenti è strettamente correlata alla conoscenza dell’anatomia patologica dell’anca displasica. Le diverse classificazioni per le displasie si basano tutte sulla posizione della testa del femore rispetto al bacino in quando questo è il parametro che più condiziona le scelte chirurgiche ricostruttive protesiche. Nell’ambito dell’articolo vengono prese in considerazioni le alterazioni a carico dell’acetabolo e del femore, le problematiche relative all’individuazione e al ripristino del corretto centro di rotazione dell’anca, le modificazioni che intervengono a carico dei tessuti molli e le conseguenze di un’anca lussata su rachide e ginocchia.
La capacità di approntare un piano preoperatorio che tenga conto delle possibili difficoltà e delle potenziali soluzioni a disposizione è indispensabile per poter ambire a risultati soddisfacenti in questo tipo di pazienti.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail