Home > Riviste > Minerva Ortopedica e Traumatologica > Fascicoli precedenti > Minerva Ortopedica e Traumatologica 2002 September;53(3) > Minerva Ortopedica e Traumatologica 2002 September;53(3):165-72

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA ORTOPEDICA E TRAUMATOLOGICA

Rivista di Ortopedia e Traumatologia


Official Journal of the Piedmontese-Ligurian-Lombard Society of Orthopedics and Traumatology
Indexed/Abtracted in: EMBASE, Scopus, Emerging Sources Citation Index


eTOC

 

ARTICOLI ORIGINALI  


Minerva Ortopedica e Traumatologica 2002 September;53(3):165-72

Copyright © 2002 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Italiano

Studio clinico policentrico a doppia cecità di confronto dell'effetto analgesico di lornoxicam e diclofenac nell'artrosi

Lanzetta A., Bocchi L., Chérié-Lignière G., Letizia G., Melanotte P., Rettagliata F., Romanini L.


PDF  


Obiettivo. La variabilità della risposta individuale ai farmaci antinfiammatori non steroidei, terapia sintomatica dell'osteoartrosi, giustifica la ricerca di nuove molecole attive. Il lornoxicam, di recente sintesi, accanto ad una potente attività farmacologica, presenta una breve emivita, al contrario di piroxicam e tenoxicam, appartenenti alla stessa classe. Scopo della ricerca di tipo policentrico è stato il confronto dell'attività analgesica di lornoxicam 12 mg/die e diclofenac 150 mg/die in pazienti ambulatoriali affetti da osteoartrosi primaria o secondaria a sovraccarico funzionale.
Metodi. I fase: studio controllato, a doppia cecità, per gruppi paralleli; II fase: studio in aperto con lornoxicam. Sono stati ammessi alla prima fase 247 pazienti, 124 trattati con lornoxicam (67 M/57 F, età media 53,3 anni) e 123 trattati con diclofenac (54 M/69 F, età 55,6 anni) e alla seconda fase 153 pazienti (69 M/84 F, età 54 anni), di cui 82 provenienti dal gruppo lornoxicam e 71 dal gruppo diclofenac.
Risultati. Dolore spontaneo e rigidità mattutina sono stati controllati con maggior efficacia da lornoxicam, mentre il dolore al movimento mostrava un'attività sovrapponibile dei due trattamenti. I giudizi del ricercatore e paziente rispettivamente su efficacia e accettabilità hanno evidenziato la buona risposta dei due trattamenti, pur se più favorevole a lornoxicam. La prosecuzione del trattamento con lornoxicam per sei settimane ha confermato la costante azione analgesica su dolore spontaneo, dolore al movimento e rigidità mattutina.
Conclusioni. I risultati indicano che lornoxicam mostra efficacia e sicurezza terapeutica almeno comparabili o superiori a diclofenac, che si confermano anche nel trattamento a medio termine. Lornoxicam può quindi essere considerato valido ausilio terapeutico in una popolazione artrosica eterogenea.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail