Home > Riviste > Minerva Ortopedica e Traumatologica > Fascicoli precedenti > Minerva Ortopedica e Traumatologica 2002 March;53(1) > Minerva Ortopedica e Traumatologica 2002 March;53(1):11-8

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA ORTOPEDICA E TRAUMATOLOGICA

Rivista di Ortopedia e Traumatologia


Official Journal of the Piedmontese-Ligurian-Lombard Society of Orthopedics and Traumatology
Indexed/Abtracted in: EMBASE, Scopus, Emerging Sources Citation Index


eTOC

 

ARTICOLI ORIGINALI  


Minerva Ortopedica e Traumatologica 2002 March;53(1):11-8

lingua: Italiano

La gestione locale dei dati clinici dei tumori dell'osso e delle parti molli in un polo di una rete oncologica regionale

Marone S., Albertini U., Imazio P., Forni G., Linari A., Pucci A., Gino G., Faletti C., Comandone A., Boglione P., Brach Del Prever E. M.


PDF  


Obiettivo. Una banca dati sperimentale per gestire i dati clinici dei pazienti affetti da tumori primitivi dell'osso e dei tessuti molli afferenti ad un polo della rete oncologica regionale piemontese è stata realizzata per facilitare la trasmissione dei dati ad un registro nazionale e organizzare al meglio la gestione dei singoli casi trattati nel centro regionale.
Metodi. Il programma è basato sulla banca dati del Rizzoli di Bologna. Come esempio, è presentata l'elaborazione dei dati anagrafici, epidemiologici, diagnosi, sede del tumore e stadiazione secondo Enneking di 171 pazienti afferiti al gruppo di lavoro nel 2000-2001.
Risultati. Il gruppo era rappresentato da 85 maschi e 86 femmine di età mediana 48 anni (min 9, max 86); 82% provengono dalla provincia di Torino, 12% dalla regione, 6% da altre regioni. Le lesioni ossee rappresentano il 37% del campione, le lesioni dei tessuti molli il 63%; i sarcomi dell'osso interessano l'arto superiore nel 16% dei casi e l'arto inferiore (compreso bacino) nel 84%, i sarcomi delle parti molli rispettivamente il 9 e l'85%. 16 pazienti erano in stadio I (9 IA, 7 IB), 24 in stadio II (1 IIA; 23 IIB) ed 8 in stadio III; 89 pazienti erano in stadio 1,2 o 3 (tumori benigni).
Conclusioni. La banca dati sperimentale qui presentata potrebbe diventare uno strumento di lavoro utile non solo per l'analisi a posteriori dei dati relativi a coorti di pazienti, ma anche un aiuto alla gestione del singolo paziente, grazie all'integrazione di dati istologici, diagnostica per immagini e trattamenti, facilitando la collaborazione tra le diverse figure professionali coinvolte nel trattamento di queste malattie e la collaborazione nazionale ed internazionale.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail