Home > Riviste > Minerva Ortopedica e Traumatologica > Fascicoli precedenti > Minerva Ortopedica e Traumatologica 2001 August-October;52(4-5) > Minerva Ortopedica e Traumatologica 2001 August-October;52(4-5):201-10

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA ORTOPEDICA E TRAUMATOLOGICA

Rivista di Ortopedia e Traumatologia


Official Journal of the Piedmontese-Ligurian-Lombard Society of Orthopedics and Traumatology
Indexed/Abtracted in: EMBASE, Scopus, Emerging Sources Citation Index


eTOC

 

ARTICOLI ORIGINALI  


Minerva Ortopedica e Traumatologica 2001 August-October;52(4-5):201-10

Copyright © 2001 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Inglese, Italiano

La qualità di vita nel paziente anziano con endoprotesi d'anca

Lisai A., Ghione M., Massè A.


PDF  


Obiettivo. Il presente lavoro si è proposto di monitorare la qualità di vita (QdV) del paziente anziano sottoposto ad impianto di endoprotesi d'anca di tipo Deon a seguito di frattura mediale del collo femorale e di valutare l'efficacia del questionario Short Form 36 nello studio di tale popolazione anziana.
Metodi. Abbiamo analizzato retrospettivamente 94 pazienti operati presso la I Clinica Universitaria dell'Ospedale CTO di Torino tra l'1-1-1996 ed il 30-3-2000 (follow-up medio di 23 mesi).
Per la misurazione della QdV abbiamo utilizzato il questionario Short Form 36 (SF-36); abbiamo paragonato i nostri risultati con i dati italiani della popolazione di pari età ed analizzato eventuali correlazioni tra QdV, età e periodi pre- e postoperatori.
Risultati. I punteggi medi di 5 scale dell'SF-36 del nostro campione sono risultati essere sovrapponibili ai corrispondenti dati italiani; al contrario, per le scale GH (percezione dello stato di salute generale), SF (attività sociali) ed RE (limitazioni di ruolo dovute allo stato emotivo) è emersa una significativa differenza. Lo stato mentale dei pazienti, ma non quello fisico, è risultato essere influenzato negativamente sia dall'aumento dell'età che della durata dei periodi perioperatori.
Conclusioni. Mortalità, demenza e sordità rendono discutibile l'utilizzo dell'SF-36 in una popolazione anziana; la nostra indagine ha comunque evidenziato un livello di QdV nel complesso simile a quello del gruppo italiano, e per alcuni aspetti anche migliore. Onde limitare possibili involuzioni psichiche dell'anziano, è fondamentale contenere i periodi pre- e postoperatori entro le reali necessità ortopediche.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail