Home > Riviste > Minerva Ortopedica e Traumatologica > Fascicoli precedenti > Minerva Ortopedica e Traumatologica 2001 August-October;52(4-5) > Minerva Ortopedica e Traumatologica 2001 August-October;52(4-5):185-94

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA ORTOPEDICA E TRAUMATOLOGICA

Rivista di Ortopedia e Traumatologia


Official Journal of the Piedmontese-Ligurian-Lombard Society of Orthopedics and Traumatology
Indexed/Abtracted in: EMBASE, Scopus, Emerging Sources Citation Index


eTOC

 

ARTICOLI ORIGINALI  


Minerva Ortopedica e Traumatologica 2001 August-October;52(4-5):185-94

lingua: Inglese, Italiano

La sindrome del tunnel carpale: ruolo eziologico e prognostico di fattori di rischio biologici e professionali

Ferrero M., Pescarmona G. P., Romano C., Dutto E., Oprandi G., Parola P. G., Gullino A., Brach del Prever E. M.


PDF  


Obiettivo. L'interesse per la sindrome del tunnel carpale (STC) è legato alla necessità di identificare i soggetti a rischio, definire misure preventive, valutare l'efficacia degli interventi attuati e, soprattutto, ai costi socio-economici molto elevati e al notevole aumento d'incidenza che si è riscontrato negli ultimi anni. Lo scopo di questo lavoro è valutare i risultati clinici ottenuti con il trattamento chirurgico e confrontare la distribuzione dei fattori di rischio biologici e lavorativi nei soggetti che hanno tratto beneficio dall'intervento chirurgico (gruppo A) rispetto ai pazienti che non hanno avuto una completa guarigione (gruppo B).
Metodi. Sono stati valutati 55 soggetti con diagnosi di STC, per la quale sono stati sottoposti ad intervento chirurgico presso l'Azienda Ospedaliera CTO, CRF, Maria Adelaide di Torino tra il 2 marzo e il 29 giugno 2000.
Sono stati esaminati l'attività lavorativa, l'eventuale presenza di elementi di ipersuscettibilità individuali, la storia clinica, le fasi diagnostiche, trattamenti conservativi eventualmente usati prima dell'atto chirurgico. Sono stati correlati i fattori di rischio intrinseci, professionali e gli esiti degli esami ematochimici con i risultati postoperatori valutati clinicamente dopo 3 mesi.
Risultati. È stato riscontrato, tra i fattori di rischio individuali, una differenza statisticamente significativa nei parametri menopausa, indice di massa corporea (BMI)>30 + menopausa, assunzione di estroprogestinici per os, ipotiroidismo ed epatopatie virali.
Conclusioni. Dal nostro lavoro risulta che questi fattori individuali predispongono allo sviluppo della STC e influiscono sul risultato del trattamento.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail