Home > Riviste > Minerva Ortopedica e Traumatologica > Fascicoli precedenti > Minerva Ortopedica e Traumatologica 2001 Giugno;52(3) > Minerva Ortopedica e Traumatologica 2001 Giugno;52(3):175-80

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA ORTOPEDICA E TRAUMATOLOGICA

Rivista di Ortopedia e Traumatologia


Official Journal of the Piedmontese-Ligurian-Lombard Society of Orthopedics and Traumatology
Indexed/Abtracted in: EMBASE, Scopus, Emerging Sources Citation Index


eTOC

 

CHIRURGIA TRAUMATOLOGICA E ORTOPEDICA DELL'ANCA  98° CONGRESSO DELLA SOCIETA' PIEMONTESE-LIGURE-LOMBARDA DI ORTOPEDIA E TRAUMATOLOGIA (SPLLOT) (Loano, 19-20 ottobre 2001)


Minerva Ortopedica e Traumatologica 2001 Giugno;52(3):175-80

lingua: Italiano

Morbo di Pott: trattamento chirurgico. Come, quando, perché

Tabasso G., Cinanni R., Gavino D., Baschiera R.


PDF  


La malattia di Pott può portare a: deformità, instabilità funzionale, compressione delle strutture neurologiche, secondarie ad invasione del canale spinale, a deformità e a instabilità.
Le indicazioni alla chirurgia sono: compressione di strutture neurologiche, deformità non correggibile, la presenza di infezioni resistenti alla chemioterapia antibiotica con instabilità e perdita ossea.
La tecnica chirurgica si basa sull'approccio chirurgico in due tempi durante il medesimo intervento: primo (anteriore): decompressione, somatectomia, impianto di una rete con frammenti ossei autologhi; secondo tempo (posteriore): impianto di viti poliassiali peduncolate sulla vertebra adiacente; decompressione, stabilizzazione dell'impianto in compressione.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail