Home > Riviste > Minerva Ortopedica e Traumatologica > Fascicoli precedenti > Minerva Ortopedica e Traumatologica 2001 Giugno;52(3) > Minerva Ortopedica e Traumatologica 2001 Giugno;52(3):157-64

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA ORTOPEDICA E TRAUMATOLOGICA

Rivista di Ortopedia e Traumatologia


Official Journal of the Piedmontese-Ligurian-Lombard Society of Orthopedics and Traumatology
Indexed/Abtracted in: EMBASE, Scopus, Emerging Sources Citation Index


eTOC

 

CHIRURGIA TRAUMATOLOGICA E ORTOPEDICA DELL'ANCA  98° CONGRESSO DELLA SOCIETA' PIEMONTESE-LIGURE-LOMBARDA DI ORTOPEDIA E TRAUMATOLOGIA (SPLLOT) (Loano, 19-20 ottobre 2001)


Minerva Ortopedica e Traumatologica 2001 Giugno;52(3):157-64

lingua: Italiano

Le protesi parziali nel trattamento delle fratture laterali (Indicazioni e limiti)

Castoldi F., Marmotti A., Fumero S., Dettoni F., Amberti F.


PDF  


Obiettivo. Scopo di questo lavoro è proporre l'utilizzo di protesi parziali cementate per il trattamento di casi selezionati di fratture laterali del collo del femore nell'anziano.
Metodi. Sono stati analizzati i risultati a breve e medio termine (follow-up medio: 2 anni) ottenuti con l'impianto di protesi parziali cementate in 39 casi di fratture pertrocanteriche, trattati tra il 1/1/1997 e il 31/12/2000 presso la III Clinica Ortopedica dell'Università di Torino, confrontandoli con i risultati ottenuti nello stesso periodo nei pazienti trattati con chiodo Gamma. È stato utilizzato il punteggio di Merle D'Aubigné per la valutazione clinica, mentre è stata posta attenzione all'accuratezza della cementazione, alla qualità dell'osso periprotesico e alla posizione della protesi per quanto riguarda il dato radiografico. Inoltre si è tenuto conto dei tempi di recupero, dell'ospedalizzazione, dell'anemizzazione e dei costi totali.
Risultati. Il confronto tra le due popolazioni conduce a una sostanziale sovrapponibilità dei risultati per quanto riguarda mortalità, complicanze a breve e medio termine, anemizzazione intraoperatoria e recupero funzionale.
Il trattamento con protesi parziali cementate è caratterizzato da ricoveri più brevi, precoce inizio della fisioterapia riabilitativa e minori costi sociali e familiari.
Conclusioni. Gli Autori ritengono che in pazienti molto anziani, in discrete condizioni neuro-muscolari, affetti da marcata osteoporosi e fratture laterali instabili, il trattamento con endoprotesi cementate costituisca una valida alternativa al trattamento con chiodo Gamma.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail