Home > Riviste > Minerva Ortopedica e Traumatologica > Fascicoli precedenti > Minerva Ortopedica e Traumatologica 2001 June;52(3) > Minerva Ortopedica e Traumatologica 2001 June;52(3):129-34

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA ORTOPEDICA E TRAUMATOLOGICA

Rivista di Ortopedia e Traumatologia


Official Journal of the Piedmontese-Ligurian-Lombard Society of Orthopedics and Traumatology
Indexed/Abtracted in: EMBASE, Scopus, Emerging Sources Citation Index


eTOC

 

CHIRURGIA TRAUMATOLOGICA E ORTOPEDICA DELL'ANCA  98° CONGRESSO DELLA SOCIETA' PIEMONTESE-LIGURE-LOMBARDA DI ORTOPEDIA E TRAUMATOLOGIA (SPLLOT) (Loano, 19-20 ottobre 2001)


Minerva Ortopedica e Traumatologica 2001 June;52(3):129-34

Copyright © 2001 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Italiano

Le modificazioni della morfologia del femore sano (Studio radiografico e implicazioni cliniche)

Massè A., Motta Navas M. J., Santoro D., Nicodemo A., Gallinaro P.


PDF  


Obiettivo. Il significativo incremento della durata funzionale delle protesi d'anca rende sempre più importante la comprensione del ruolo del rimodellamento fisiologico del femore. La letteratura è sorprendentemente scarsa sulle alterazioni macroscopiche dei segmenti ossei e riguarda nella maggior parte dei casi modificazioni in femori protesizzati.
L'obiettivo di questo lavoro è la valutazione in vivo delle variazioni radiografiche della morfologia del femore sano nel tempo e nei singoli pazienti, divisi per sesso.
Metodi. Abbiamo eseguito un'analisi preliminare di 17 pazienti portatori di protesi d'anca unilaterale. Le misurazioni sono state condotte sulla radiografia in AP del bacino effettuata o per la pianificazione preoperatoria o nel controllo postoperatorio e sull'analogo radiogramma eseguito al controllo più recente. Sono state considerate 4 diverse misure (diametro periostale ed endostale, spessore della corticale mediale e laterale) su 6 livelli: le stesse sono state divise per le corrispondenti prese 10 cm sotto il piccolo trocantere. Sono stati calcolati i coefficienti di correlazione tra gli indici della prima e della seconda radiografia. Le variazioni sono state messe in relazione con età, tempo di follow-up e sesso.
Risultati. I nostri risultati dimostrano che esistono variazioni morfologiche del canale endostale del femore prossimale: il canale midollare, subendo un allargamento a cui corrisponde un assottigliamento della corticale mediale, tende ad assumere nel tempo una forma più cilindrica.
Conclusioni. In conclusione, in base ai risultati ottenuti, il progressivo allargamento del canale femorale a medio termine creerebbe uno spazio reale all'interfaccia, possibile concausa nello sviluppo della mobilizzazione protesica.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail