Home > Riviste > Minerva Ortopedica e Traumatologica > Fascicoli precedenti > Minerva Ortopedica e Traumatologica 2001 Aprile;52(2) > Minerva Ortopedica e Traumatologica 2001 Aprile;52(2):113-8

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA ORTOPEDICA E TRAUMATOLOGICA

Rivista di Ortopedia e Traumatologia


Official Journal of the Piedmontese-Ligurian-Lombard Society of Orthopedics and Traumatology
Indexed/Abtracted in: EMBASE, Scopus, Emerging Sources Citation Index


eTOC

 

CASI CLINICI  


Minerva Ortopedica e Traumatologica 2001 Aprile;52(2):113-8

lingua: Italiano

Raro caso pediatrico di tenosinovite nodulare del tendine flessore della mano

Cussotti S., Linari A., Matteoni E., Scotto Di Luzio A.


PDF  


Gli Autori presentano un caso di tumore a cellule giganti del tendine flessore della mano in età pediatrica. L'identificazione di tali tumori è resa difficile dalla varietà delle classificazioni adottate in letteratura. Attualmente è più accettata quella proposta da Jaffe, Liechtenstein e Sutro nel 1941 che comprende tali tumori nel gruppo delle sinoviti villonodulari. Tali tumori sono stati raramente segnalati in letteratura in età pediatrica. Il caso presentato dagli Autori è stato evidenziato in una bambina di 12 anni, con localizzazione al tendine flessore del III dito della mano destra alla falange prossimale. La RMN non ha consentito una diagnosi di certezza e si è proceduto all'exeresi radicale della neoformazione. L'esame istologico ha consentito la diagnosi di certezza. Il follow-up clinico e strumentale (RMN) a 3 mesi non ha evidenziato recidiva locale. Tali tumori, per la frequenza di recidiva locale e la pur remota possibilità di metastasi a distanza, richiedono un controllo nel tempo, tuttavia l'exeresi radicale è considerata anche in letteratura trattamento spesso risolutivo.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail