Home > Riviste > Minerva Ortopedica e Traumatologica > Fascicoli precedenti > Minerva Ortopedica e Traumatologica 2001 Aprile;52(2) > Minerva Ortopedica e Traumatologica 2001 Aprile;52(2):73-80

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA ORTOPEDICA E TRAUMATOLOGICA

Rivista di Ortopedia e Traumatologia


Official Journal of the Piedmontese-Ligurian-Lombard Society of Orthopedics and Traumatology
Indexed/Abtracted in: EMBASE, Scopus, Emerging Sources Citation Index


eTOC

 

ARTICOLI ORIGINALI  


Minerva Ortopedica e Traumatologica 2001 Aprile;52(2):73-80

lingua: Italiano

Artroplastica di resezione come chirurgia alternativa nel gomito rigido

Razza F., Peretti G. M., Macías G., Lastroni G.


PDF  


Obiettivo. Viene presentata la tecnica chirurgica di artroplastica di resezione del gomito, per il trattamento della subanchilosi dolorosa di questa articolazione, che si presenta come complicazione di gravi infezioni, di artrite reumatoide e soprattutto di traumatismi gravi. Questa tecnica rappresenta un'alternativa valida all'intervento di artrodesi, per le gravi limitazioni funzionali che quest'ultimo intervento produce ed all'artroprotesi, per le complicazioni secondarie, ancora oggi frequenti.
Metodi. Sono stati trattati con questa metodica 12 pazienti, di età media 36 anni, di cui nove di sesso maschile. Tutti presentavano dolore intenso e limitazione funzionale con un'escursione articolare di flesso-estensione tra i 5° ed i 35°; rappresentavano tutti casi di secondarismi di fratture gravi, di cui undici esposte e con un tempo minimo di evoluzione di 2,5 mesi. Dieci casi hanno inoltre sviluppato un processo infettivo prima di giungere alla nostra osservazione e sette di questi furono da noi operati col processo settico in corso.
Risultati. Sono stati documentati 3 risultati eccellenti, 6 buoni, 2 soddisfacenti ed 1 insoddisfacente (classificazione secondo Dee modificata). Come complicazioni sono stati osservati un caso di ossificazione eterotopica e due casi di instabilità laterale che hanno richiesto una stabilizzazione mediante ortesi.
I migliori risultati si sono ottenuti in pazienti giovani, collaboranti nell'intenso programma riabilitativo postoperatorio e che non dovevano successivamente essere impegnati in lavori o attività pesanti.
Conclusioni. In caso di una concomitante infezione, insensibile alla terapia antibiotica, questo tipo di intervento è, a nostro parere, più indicato rispetto a quello di artrodesi o ad un impianto protesico.
L'artroplastica di resezione continua ad essere una buona alternativa per il recupero di gomiti affetti da gravi limitazioni, con rigidità e dolore, secondarie a fratture esposte, con o senza un processo settico in corso.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail