Home > Riviste > Minerva Ortopedica e Traumatologica > Fascicoli precedenti > Minerva Ortopedica e Traumatologica 2001 Febbraio;52(1) > Minerva Ortopedica e Traumatologica 2001 Febbraio;52(1):7-12

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA ORTOPEDICA E TRAUMATOLOGICA

Rivista di Ortopedia e Traumatologia


Official Journal of the Piedmontese-Ligurian-Lombard Society of Orthopedics and Traumatology
Indexed/Abtracted in: EMBASE, Scopus, Emerging Sources Citation Index


eTOC

 

ARTICOLI ORIGINALI  


Minerva Ortopedica e Traumatologica 2001 Febbraio;52(1):7-12

lingua: Italiano

Il trattamento conservativo della stenosi lombare (Risultati clinici)

Lisai P., Doria C., Crissantu L., Spano G., Meloni G. B., Fabbriciani C.


PDF  


Obiettivo. È opinione comune che il decorso naturale delle stenosi del canale lombare comporti un aggravamento del quadro clinico che rende talvolta necessario un trattamento chirurgico.
Questo studio, di tipo prospettico, ha l'obiettivo di valutare la validità dell'approccio conservativo nel trattamento della stenosi lombare.
Metodi. Diciassette pazienti affetti da stenosi del canale lombare, per i quali si era posta l'indicazione al trattamento chirurgico decompressivo, sono stati trattati conservativamente.
Il quadro clinico era rappresentato dal solo interessamento rachideo (28%), lombalgia con interessamento radicolare (70,6%) e claudicatio neurogena intermittente (64,7%). La diagnosi clinica è stata confermata dalla SRG (2 casi), SRG+TC (3 casi), TC (8 casi) ed RM (4 casi). L'approccio conservativo si è avvalso della terapia medica, dell'ausilio di tutori ortopedici ed esercizi posturali lombari associati ad una terapia fisica strumentale (infrarossi e ultrasuoni diatermici).
Risultati. I risultati clinici sono stati valutati dopo un follow-up medio di due anni, raffrontando il range articolare lombare e l'impegno radicolare pre e post-trattamento. Sono stati considerati soddisfacenti nel 70,6 % dei casi.
Conclusioni. Da questo studio si evince che la terapia conservativa permette un buon recupero dei parametri articolari lombari con risoluzione del dolore radicolare. Tale approccio terapeutico può essere proposto solo in casi selezionati.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail