Home > Riviste > Minerva Ortopedica e Traumatologica > Fascicoli precedenti > Minerva Ortopedica e Traumatologica 2000 Giugno;51(3) > Minerva Ortopedica e Traumatologica 2000 Giugno;51(3):147-52

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA ORTOPEDICA E TRAUMATOLOGICA

Rivista di Ortopedia e Traumatologia


Official Journal of the Piedmontese-Ligurian-Lombard Society of Orthopedics and Traumatology
Indexed/Abtracted in: EMBASE, Scopus, Emerging Sources Citation Index


eTOC

 

BIOMATERIALI IN ORTOPEDIA: ASPETTATIVE E PRATICA CLINICA  96° CONGRESSO DELLA SOCIETA' PIEMONTESE-LIGURE-LOMBARDA DI ORTOPEDIA E TRAUMATOLOGIA (SPLLOT) (Brescia, 24-25 settembre 1999)


Minerva Ortopedica e Traumatologica 2000 Giugno;51(3):147-52

lingua: Italiano

Fratture del terzo distale di omero (trattamento con fissatore esterno)

Manca M., Faldini A., Marchetti S., Polese F., Iacopinelli M.


PDF  


Obiettivo. Nelle fratture sovra-diacondiloidee e del terzo distale di omero è, secondo gli Autori, indicato il trattamento con riduzione e sintesi chirurgica in quanto tali fratture devono essere considerate lesioni importanti che producono un vasto danno dei tessuti molli e sono spesso gravate da complicanze vascolo-nervose.
Metodi. Abbiamo utilizzato un fissatore esterno monoassiale variando l'impianto secondo le necessità per trattare fratture del terzo distale di omero e fratture sovra-diacondiloidee. In quest'ultime lesioni abbiamo eseguito una prima sintesi della superficie articolare con viti cannulate, quindi abbiamo utilizzato il fissatore esterno per la stabilizzazione della frattura in sede metafisaria. Al paziente sono stati consessi movimenti attivi e coadiuvanti del gomito e polso sin dal primo giorno postoperatorio. La valutazione radiografica della progressione del callo osseo neoformato ha permesso di eseguire prima la dinamizzazione parziale e quindi quella totale del fissatore esterno.
Il F.E.A. è stato rimosso dopo circa 100 giorni nelle fratture chiuse e 120 giorni in quelle esposte.
Risultati. La casistica riguarda 21 fratture, 15 diafisarie e 6 articolari (sovra-diacondiloidee), con un follow-up minimo di 6 mesi e massimo di 72 mesi. Tutti i pazienti sono giunti a guarigione, 2 casi hanno riportato rigidità articolari di rilievo, parzialmente risolte con intensa fisiochinesiterapia. Non abbiamo avuto casi di difetti assiali o torsionali.
Conclusioni. La metodica da noi proposta si è dimostrata ben tollerata dai pazienti, inoltre la riduzione delle complicanze postoperatorie (infezioni, deiscenze di ferita, ecc.) ed il follow-up a breve-medio termine dimostrano l'affidabilità della metodica.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail