Ricerca avanzata

Home > Riviste > Minerva Ortopedica e Traumatologica > Fascicoli precedenti > Minerva Ortopedica e Traumatologica 2000 Giugno;51(3) > Minerva Ortopedica e Traumatologica 2000 Giugno;51(3):137-40

FASCICOLI E ARTICOLI   I PIÙ LETTI   eTOC

ULTIMO FASCICOLOMINERVA ORTOPEDICA E TRAUMATOLOGICA

Rivista di Ortopedia e Traumatologia

Official Journal of the Piedmontese-Ligurian-Lombard Society of Orthopedics and Traumatology
Indexed/Abtracted in: EMBASE, Scopus, Emerging Sources Citation Index

Periodicità: Trimestrale

ISSN 0026-4911

Online ISSN 1827-1707

 

Minerva Ortopedica e Traumatologica 2000 Giugno;51(3):137-40

96° CONGRESSO DELLA SOCIETA' PIEMONTESE-LIGURE-LOMBARDA DI ORTOPEDIA E TRAUMATOLOGIA (SPLLOT) (Brescia, 24-25 settembre 1999) 

 BIOMATERIALI IN ORTOPEDIA: ASPETTATIVE E PRATICA CLINICA

Nostra esperienza nel trattamento delle fratture dell'arto superiore con chiodo Argopin (Risultati preliminari)

Conca M., Dalla Pria A., Rossetti F., Conca R., Borroni M.

Obiettivo. Il trattamento delle fratture dell'arto superiore, specie quelle metafisarie chiuse, presenta diverse problematiche oggettive che l'avvento della sintesi endomidollare ha in parte permesso di risolvere. A questo proposito vogliamo portare la nostra personale esperienza con il chiodo endomidollare Argopin. Si tratta di un chiodo cannulato pentaflangiato in titanio a bloccaggio dinamico che non necessita di alesatura.
Metodi. Dal novembre 1996 ad oggi la nostra casistica consta di 29 pazienti trattati con questa metodica.
Abbiamo ricontrollato tutti i pazienti con un follow-up medio di 11 mesi: la valutazione è stata sia radiografica sia clinica (con l'ausilio delle schede di valutazione dell'HSS e di Stewart e Hundley). Nessun paziente da noi trattato ha evidenziato fenomeni di pseudo-artrosi o complicanze settiche e/neuro-vascolari.
Risultati. Il 75% dei casi ha evidenziato un ottimo risultato; il 20% dei casi ha evidenziato un risultato buono; il 5% rimanente ha dato risultato insoddisfacente (1 caso di impingment sub-acromiale ed 1 caso di rottura del chiodo).
Conclusioni. Sulla base della nostra seppur breve esperienza, e della casistica non ampia riteniamo che nelle fratture meta-diafisarie chiuse, il chiodo ARGOPIN, costituisca un valido mezzo di sintesi, e che debba essere tenuto in considerazione nell'ambito dell'ampio panorama di mezzi di sintesi utilizzabile.

lingua: Italiano


FULL TEXT  ESTRATTI

inizio pagina