Home > Riviste > Minerva Ortopedica e Traumatologica > Fascicoli precedenti > Minerva Ortopedica e Traumatologica 2000 June;51(3) > Minerva Ortopedica e Traumatologica 2000 June;51(3):127-36

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA ORTOPEDICA E TRAUMATOLOGICA

Rivista di Ortopedia e Traumatologia


Official Journal of the Piedmontese-Ligurian-Lombard Society of Orthopedics and Traumatology
Indexed/Abtracted in: EMBASE, Scopus, Emerging Sources Citation Index


eTOC

 

BIOMATERIALI IN ORTOPEDIA: ASPETTATIVE E PRATICA CLINICA  96° CONGRESSO DELLA SOCIETA' PIEMONTESE-LIGURE-LOMBARDA DI ORTOPEDIA E TRAUMATOLOGIA (SPLLOT) (Brescia, 24-25 settembre 1999)


Minerva Ortopedica e Traumatologica 2000 June;51(3):127-36

Copyright © 2000 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Italiano

Il cemento nella revisione protesica d’anca

D’Imporzano M., Castelli F.


PDF  


Obiettivo. I notevoli successi delle protesi d'anca primarie montate con tecniche di cementazione di III generazione hanno riaperto il capitolo della revisione cementata.
Metodi. Abbiamo condotto un'indagine retrospettiva su 28 casi con un follow-up di almeno 18 mesi trattati con la tecnica di revisione con innesti ossei pressurizzati e cementati e su 32 casi trattati con la tecnica di revisione cemento nel cemento con un follow-up medio di 7,8 anni. Abbiamo ricostruito il bone-loss femorale e cotiloideo con innesti ossei omoplastici pressurizzati e cementati nelle situazioni del tipo I e II del GIR e nei casi II/III tipo del GIR con l'ausilio di mesches metalliche. In aggiunta alla tecnica di revisione con innesti ossei pressurizzati e cementati abbiamo utilizzato la tecnica di revisione cemento nel cemento.
Risultati. Nei pazienti trattati con innesti ossei pressurizzati e cementati la media dello «Score di Harris» è stata di 80/100. Il grado di bone-loss non ha influenzato i risultati clinici. La completa integrazione dell'innesto è stata osservata in 18 pazienti (95%) con tempo variabile tra i 6 ed i 18 mesi. Nell'analisi della tecnica di revisione cemento nel cemento la quota di rirevisioni è stata del 5%. Il 95% dei pazienti trattati ha ottenuto un Harris hip score buono o eccellente.
Conclusioni. Dalla pratica clinica e dall'analisi dei risultati ottenuti possiamo concludere che queste tecniche di revisione cementate possono rappresentare in casi selezionati una valida soluzione chirurgica nel trattamento delle revisioni di protesi d'anca preda di una mobilizzazione asettica.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail