Home > Riviste > Minerva Ortopedica e Traumatologica > Fascicoli precedenti > Minerva Ortopedica e Traumatologica 2000 Giugno;51(3) > Minerva Ortopedica e Traumatologica 2000 Giugno;51(3):107-12

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA ORTOPEDICA E TRAUMATOLOGICA

Rivista di Ortopedia e Traumatologia


Official Journal of the Piedmontese-Ligurian-Lombard Society of Orthopedics and Traumatology
Indexed/Abtracted in: EMBASE, Scopus, Emerging Sources Citation Index


eTOC

 

BIOMATERIALI IN ORTOPEDIA: ASPETTATIVE E PRATICA CLINICA  96° CONGRESSO DELLA SOCIETA' PIEMONTESE-LIGURE-LOMBARDA DI ORTOPEDIA E TRAUMATOLOGIA (SPLLOT) (Brescia, 24-25 settembre 1999)


Minerva Ortopedica e Traumatologica 2000 Giugno;51(3):107-12

lingua: Italiano

Il ruolo dell'idrossiapatite nell'osteointegrazione (Risultati preliminari di uno studio prospettico randomizzato)

De Santis E., Gasparini G., Romanini E., De Santis V.


PDF  


Da oltre un decennio sono disponibili impianti protesici femorali con rivestimento in idrossiapatite. Il ruolo del rivestimento, ben analizzato in numerosi studi sperimentali e in rilievi autoptici, di rado è stato indagato con il dovuto rigore nell'ambito di studi clinici prospettici controllati randomizzati. Gli autori presentano i risultati preliminari di un trial nel quale il medesimo stelo femorale retto non cementato è stato impiantato nelle due versioni a rivestimento poroso e in idrossiapatite in una serie di ottanta pazienti affetti da artrosi primitiva dell'anca. L'esame radiografico standard consente di confermare le evidenze sperimentali di una più precoce osteointegrazione degli impianti con rivestimento in idrossiapatite rispetto a steli omologhi a rivestimento poroso, mentre non si osservano differenze significative dei parametri di analisi dello stato di salute generale e legato alla patologia dell'anca. Soltanto il continuo monitoraggio dei due gruppi di pazienti permetterà di definire quanto e in che maniera il rivestimento influenzi la durata dell'impianto e la qualità di vita dei pazienti.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail