Ricerca avanzata

Home > Riviste > Minerva Ortopedica e Traumatologica > Fascicoli precedenti > Minerva Ortopedica e Traumatologica 2000 Giugno;51(3) > Minerva Ortopedica e Traumatologica 2000 Giugno;51(3):79-88

FASCICOLI E ARTICOLI   I PIÙ LETTI   eTOC

ULTIMO FASCICOLOMINERVA ORTOPEDICA E TRAUMATOLOGICA

Rivista di Ortopedia e Traumatologia


Official Journal of the Piedmontese-Ligurian-Lombard Society of Orthopedics and Traumatology
Indexed/Abtracted in: EMBASE, Scopus, Emerging Sources Citation Index

 

Minerva Ortopedica e Traumatologica 2000 Giugno;51(3):79-88

96° CONGRESSO DELLA SOCIETA' PIEMONTESE-LIGURE-LOMBARDA DI ORTOPEDIA E TRAUMATOLOGIA (SPLLOT) (Brescia, 24-25 settembre 1999) 

 BIOMATERIALI IN ORTOPEDIA: ASPETTATIVE E PRATICA CLINICA

Effetti in vitro di metalli biocompatibili su morfologia, proliferazione e apoptosi in linee di osteoblasti in coltura

Massari L., Manfredini M., Casto R., Brandolini F., Colamussi M. L., Borgatti P., Neri L. M.

Obiettivo. Il successo di un impianto protesico non cementato dipende dall'integrazione con il tessuto osseo circostante, fenomeno strettamente correlato alla biocompatibilità del materiale impiegato. Non sono ben noti gli effetti che questi materiali, definiti biocompatibili, possono provocare sugli osteoblasti, cellule che rivestono una funzione di rilievo nel processo osteointegrativo. In particolare non sono stati chiariti gli effetti sugli osteoblasti dei frammenti dei materiali generati dall'usura. Si ritiene che tali frammenti possano svolgere un ruolo importante nella mobilizzazione asettica protesica. Per tale motivo abbiamo voluto valutare in vitro l'interazione tra i biomateriali di uso comune e gli osteoblasti in coltura.
Metodi. Abbiamo esaminato attraverso metodiche di Citofluorimetria di Flusso, Microscopia Ottica e Microscopia Elettronica a Scansione il comportamento di diverse linee cellulari di osteoblasti umani e murini (MG-63, SaoS-2, MC3T3) mantenute in coltura in presenza di leghe di Ti-6Al-4Va o Cr-Co-Mo, corrispondenti ai materiali metallici attualmente più utilizzati per impianti protesici. Le colture sono state trattate per 72 ore con frammenti di Ti-6Al-4Va o Cr-Co-Mo con dimensioni comprese in 2 diversi gruppi (<5 µm e 5-10 µm) ed esaminate valutando morfologia, adesione, proliferazione, ciclo cellulare, apoptosi. Ulteriori indagini con Microscopia Elettronica sono state eseguite su colture di osteoblasti seminati su dischetti di Ti-6Al-4Va e Cr-Co-Mo.
Risultati. I risultati ottenuti dimostrano che i diversi materiali hanno effetti differenti sulle cellule, in particolare risultando i frammenti di Cr-Co-Mo più citotossici rispetto al Ti-6Al-4Va. Inoltre tale citotossicità aumenta al crescere delle dimensioni dei frammenti metallici.
Conclusioni. Anche la superficie dei dischetti di Ti risulta essere molto più favorevole alla crescita osteoblastica rispetto ai dischetti di Cr-Co-Mo.

lingua: Italiano


FULL TEXT  ESTRATTI

inizio pagina