Home > Riviste > Minerva Ortopedica e Traumatologica > Fascicoli precedenti > Minerva Ortopedica e Traumatologica 1999 Dicembre;50(6) > Minerva Ortopedica e Traumatologica 1999 Dicembre;50(6):241-4

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA ORTOPEDICA E TRAUMATOLOGICA

Rivista di Ortopedia e Traumatologia


Official Journal of the Piedmontese-Ligurian-Lombard Society of Orthopedics and Traumatology
Indexed/Abtracted in: EMBASE, Scopus, Emerging Sources Citation Index


eTOC

 

CASI CLINICI  


Minerva Ortopedica e Traumatologica 1999 Dicembre;50(6):241-4

lingua: Italiano

Cisti iuxta-articolari della faccetta spinale medio-dorsale (Localizzazione eccezionale)

Turtas S., Conti M., Zirattu G.


PDF  


L'interesse della presentazione del caso clinico consiste nell'estrema rarità del riscontro delle cisti iuxta-articolari a livello della colonna toracica. La contemporanea occorrenza di due cisti adiacenti, disposte in senso cranio-caudale, e localizzate sulla linea mediana della colonna toracica è anch'essa di eccezionale riscontro.
Si è trattato di un paziente di 59 anni la cui sintomatologia è stata caratterizzata da una grave e progressiva ipostenia a carico degli arti inferiori oltre ad episodi di minzione imperiosa. L'obiettività neurologica è consistita in una grave paraparesi spastica, un'ipoestesia epicritica con livello superiore a T-8, Babinski bilaterale unitamente a clono di entrambe le rotule. La patologia è stata diagnosticata mediante la Risonanza Magnetica e la Tomografia Computerizzata che hanno evidenziato la presenza di due formazioni cistiche epidurali adiacenti alle faccette articolari di D6-D7. Per quanto riguarda l'etiologia, solitamente attribuita in tutto o in parte ad aumentata «articolarità» del distretto e/o a fenomeni degenerativi osteo-articolari locali, non sono stati identificati fattori predisponenti nel caso specifico. I reperti della Tomografia Computerizzata, osservati dagli Autori, sono sovrapponibili a quelli più comunemente descritti nella letteratura, mentre le immagini di Risonanza Magnetica mostrano una maggiore variabilità.
Gli Autori concordano nel ritenere che la chirurgia di questa rarissima localizzazione consista nella rimozione radicale della CIF previa amputazione degli archi vertebrali adiacenti alla stessa.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail