Home > Riviste > Minerva Ortopedica e Traumatologica > Fascicoli precedenti > Minerva Ortopedica e Traumatologica 1999 October;50(5) > Minerva Ortopedica e Traumatologica 1999 October;50(5):185-90

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA ORTOPEDICA E TRAUMATOLOGICA

Rivista di Ortopedia e Traumatologia


Official Journal of the Piedmontese-Ligurian-Lombard Society of Orthopedics and Traumatology
Indexed/Abtracted in: EMBASE, Scopus, Emerging Sources Citation Index


eTOC

 

ARTICOLI ORIGINALI  


Minerva Ortopedica e Traumatologica 1999 October;50(5):185-90

Copyright © 1999 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Italiano

Lesione del legamento collaterale ulnare del pollice

Ferrari P. R.


PDF  


Obiettivo. La lesione del Legamento Collaterale Ulnare (LCU) del I raggio è un evento traumatico ben noto. Lo scopo di questo lavoro è di verificare i risultati delle tecniche chirurgiche dedotte dalla letteratura con una casistica personale.
Metodi. L'Autore riporta i risultati ottenuti in 22 pazienti affetti da rottura post-traumatica recente e 7 da lassità cronica post-traumatica del LCU trattati presso la Clinica Ortopedica dell'Università di Brescia ad un follow-up minimo di 2,5 anni. Dei casi con lesione recente, 15 sono stati trattati con sutura diretta con materiale a lento riassorbimento; 5, che presentavano frammento osseo, con pull-out metallico e 2 casi con punti transossei. Dei casi inveterati 3 sono stati trattati con plastica ricostruttiva con palmare gracile, in 1 caso con artrodesi della MF, 1 caso con punti transossei e i rimanenti 2 casi con sutura diretta per il rifiuto del paziente al prelievo tendineo. I pazienti, ad un follow-up medio di 2,5 anni sono stati rivisti clinicamente e testati con dinamometro dal lato operato e da quello sano.
Risultati. L'86,4% dei pazienti con lesione recente ha mostrato una stabilità buona e il rimanente 13,6% sufficiente senza sostanziali alterazioni della presa pulpare tra i due lati. Tutti i 3 pazienti trattati con plastica con palmare gracile e il paziente con artrodesi MF hanno mostrato buona stabilità e buona forza. I pazienti con sutura transossea e diretta hanno mostrato instabilità con deficit di forza statisticamente significativa (p¾0,10) rispetto al lato sano.
Conclusioni. Visto il buon risultato con trattamento chirurgico precoce di questo tipo di lesioni pare opportuna una diagnosi precoce per il trattamento adeguato. Nel caso di lesioni inveterate la tecnica sec. Smith con palmare gracile appare di sicuro affidamento.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail