Home > Riviste > Minerva Ortopedica e Traumatologica > Fascicoli precedenti > Minerva Ortopedica e Traumatologica 1999 August;50(4) > Minerva Ortopedica e Traumatologica 1999 August;50(4):139-46

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA ORTOPEDICA E TRAUMATOLOGICA

Rivista di Ortopedia e Traumatologia


Official Journal of the Piedmontese-Ligurian-Lombard Society of Orthopedics and Traumatology
Indexed/Abtracted in: EMBASE, Scopus, Emerging Sources Citation Index


eTOC

 

CASI CLINICI  


Minerva Ortopedica e Traumatologica 1999 August;50(4):139-46

lingua: Italiano

L'artrectomia a cerniera secondo Valenti nel trattamento dell'alluce rigido

Rossi Urtoler E., Squarzina B., Boschi S., Folloni A., Berlen V.


PDF  


Obiettivo. L'alluce rigido è la manifestazione clinica di un processo degenerativo artrosico dell'articolazione I metatarso-falangea con progressiva limitazione dell'estensione del dito fino alla anchilosi in flessione.
Questa patologia è la più comune affezione dolorosa del primo dito dopo l'alluce valgo; può essere idiopatico, più comunemente, o secondario e si distinguono 3 gradi secondo la classificazione di Regnauld.
Metodi. Gli Autori riportano la loro esperienza nel trattamento dell'alluce rigido di grado II e III con la artroplastica a cerniera di Valenti.
Questa tecnica prevede due osteotomie angolate di 90°e l'asportazione di un cuneo a base dorsale che comprende la base della prima falange e la testa del primo metatarsale; le superfici di osteotomia vengono poi ricoperte dalla capsula articolare il cui foglio dorsale viene suturato a quello plantare.
Nel periodo dal 1987 al 1995 sono stati eseguiti 18 interventi in 15 pazienti, 11 femmine e 4 maschi con età media di 63,4 anni.
I pazienti sono stati tutti ricontrollati ed il follow-up medio è stato di 4,6 anni.
Risultati. I risultati sono stati valutati con una scheda a punti che tiene conto dell'articolarità in dorsiflessione passiva della prima MP e della presenza di dolore; questi sono stati considerati ottimi in 8 casi, buoni in 6, discreti in 3 e cattivi in un solo caso.
Conclusioni. L'artroplastica a cerniera si è rivelata, pertanto, una tecnica semplice, affidabile ed una valida soluzione per il trattamento dell'alluce rigido di II e III grado.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail