Home > Riviste > Minerva Ortopedica e Traumatologica > Fascicoli precedenti > Minerva Ortopedica e Traumatologica 1999 June;50(3) > Minerva Ortopedica e Traumatologica 1999 June;50(3):107-16

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA ORTOPEDICA E TRAUMATOLOGICA

Rivista di Ortopedia e Traumatologia


Official Journal of the Piedmontese-Ligurian-Lombard Society of Orthopedics and Traumatology
Indexed/Abtracted in: EMBASE, Scopus, Emerging Sources Citation Index


eTOC

 

REVIEW  


Minerva Ortopedica e Traumatologica 1999 June;50(3):107-16

lingua: Italiano

Pianificazione degli interventi chirurgici nella correzione delle differenze di lunghezza degli arti inferiori

Peretti G., Peretti G. M., Romanò F.


PDF  


Differenze di lunghezza degli arti possono essere già presenti nel bambino, alla nascita, manifestarsi durante l'accrescimento o presentarsi soltanto nell'età adulta, per cause diverse.
Il trattamento delle differenze di lunghezza consiste sempre nell'eliminare la differenza pareggiando la lunghezza degli arti o con l'ausilio di supporti ortopedici o mediante l'allungamento o l'accorciamento delle strutture anatomiche.
La terapia medica e fisioterapica offrono pochi ed insoddisfacenti risultati; la terapia chirurgica, oggi diffusa nel mondo, è molto diversa se applicata al bambino o all'adulto. In quest'ultimo infatti il gesto operatorio porta un risultato definitivo, mentre nel primo deve essere sempre prevista una successiva modificazione degli equilibri raggiunti, a causa della crescita futura, di cui non possiamo esattamente prevedere l'entità.
Il piano preoperatorio, nel bambino, deve tenere conto, oltre che dell'entità delle differenze, dell'età del paziente e delle previsioni di crescita futura sia dell'arto da operare che del controlaterale. Su questa base, ed in conseguenza delle precedenti esperienze chirurgiche, gli Autori presentano un piano generale da loro adottato, che deve essere, volta per volta, adattato alle singole esigenze dei pazienti.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail