Home > Riviste > Minerva Ortopedica e Traumatologica > Fascicoli precedenti > Minerva Ortopedica e Traumatologica 1999 April;50(2) > Minerva Ortopedica e Traumatologica 1999 April;50(2):47-52

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA ORTOPEDICA E TRAUMATOLOGICA

Rivista di Ortopedia e Traumatologia


Official Journal of the Piedmontese-Ligurian-Lombard Society of Orthopedics and Traumatology
Indexed/Abtracted in: EMBASE, Scopus, Emerging Sources Citation Index


eTOC

 

ARTICOLI ORIGINALI  


Minerva Ortopedica e Traumatologica 1999 April;50(2):47-52

Copyright © 1999 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Inglese

Anterior cruciate ligament reconstruction by autograft or carbon fibers. An experimental study

Lesic A., Bumbasirevic M., Filipovic B.


PDF  


Presupposti. La risposta biologica e la resistenza del legamento crociato anteriore (ACL) ricostruiti con fibre di carbonio o fascia alata autologa è stata esaminata sul ginocchio del cane.
Metodi. Trapianti autologhi o eterologhi erano inseriti per riposizionare l'ACL seguendo la tecnica di Jones modificata o la tecnica intrarticolare utilizzata per le protesi artigianali di fibre di carbonio. Quadri clinici ed istologici, così come la resistenza alla tensione della connessione osso-neolegamento-osso sono stati valutati per periodi di 1, 2, 6 mesi.
Risultati. La resistenza alla tensione del neolegamento non ha mai raggiunto o superato la resistenza di un normale legamento crociato anteriore in entrambi i gruppi. Istologicamente sono stati evidenziati numerosi tessuti fibrosi di crescita tra le fibre di carbonio, ma non si è ottenuto nessun trapianto osseo di tessuto fibroso allogenico o autologo nei tunnel ossei (femorale e tibiale). L'autotrapianto è stato sostituito soprattutto da tessuto connettivo elastico e la sua parte intraarticolare è stata ricoperta da epitelio simil-sinoviale.
Conclusioni. Il ginocchio del cane è un modello appropriato per gli esperimenti di chirurgia del ginocchio. Le caratteristiche delle protesi di carbonio dell'ACL devono essere migliorate per migliorarne l'utilizzo clinico.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail