Home > Riviste > Minerva Oftalmologica > Fascicoli precedenti > Minerva Oftalmologica 2013 December;55(4) > Minerva Oftalmologica 2013 December;55(4):87-91

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA OFTALMOLOGICA

Rivista di Oftalmologia


eTOC

 

ARTICOLI ORIGINALI  


Minerva Oftalmologica 2013 December;55(4):87-91

Copyright © 2013 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Italiano

Methotrexate come terapia alternativa nell’oftalmopatia distiroidea

Ferrara M., Strianese D., Comune C., Carandente R., D’alessandro A., Ruggiero P., Napolitano P., Bonavolontà G.

Dipartimento di Scienze Oftalmologiche Università degli Studi di Napoli “Federico II”, Napoli, Italia


PDF  


Obiettivo. Scopo dello studio era valutare l’efficacia dell’uso del methotrexate come terapia alternativa per l’oftalmopatiadistiroidea.
Metodi. Trentasei pazienti affetti da oftalmopatiadistiroidea in fase attiva che avevano interrotto la terapia corticosteroidea per il sopraggiungere di effetti collaterali furono sottoposti a terapia con methotrexate in dose settimanale differente a seconda del loro peso corporeo (da 7.5 mg a 10 mg). I loro dati furono retrospettivamente revisionati per valutare: Clinicalactivity score (CAS),Acuità visiva (AV), miopatia restrittiva, esoftalmo e retrazione palpebrale a 3, 6 e12 mesi di distanza e comparati con i valori di partenza.
Risultati. Il methotrexate fu tollerato bene. Si osservò un miglioramento statisticamente significativo del clinicalactivity score a 3, 6 e 12 mesi di trattamento (P<0,0001). L’acuità visiva non si modificò in maniera significativa. La miopatia restrittiva andò incontro a un miglioramento dopo 6 e 12 mesi (P<0,001). I dati relativi ad esoftalmo e posizione palpebrale restarono invariati nel tempo. Non furono registrati effetti collaterali.
Conclusioni. Questo tipo di terapia si è dimostrata utile nel ridurre i segni e sintomi di infiammazione e nell’abbreviare la fase di attività della malattia dal momento che tutti i pazienti in studio sperimentarono una riduzione statisticamente significativa del CAS. Per tale motivo la terapia con methotrexate dovrebbe essere considerata come un’ottima alternativa per il trattamento dell’oftalmopatiadistiroidea in fase attiva in quei pazienti che non tollerano i corticosteroidi. Mentre il mancato miglioramento dell’esoftalmo e della retrazione palpebrale era prevedibile.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail