Home > Riviste > Minerva Oftalmologica > Fascicoli precedenti > Minerva Oftalmologica 2011 Giugno;53(2) > Minerva Oftalmologica 2011 Giugno;53(2):31-8

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA OFTALMOLOGICA

Rivista di Oftalmologia


eTOC

 

ARTICOLI ORIGINALI  


Minerva Oftalmologica 2011 Giugno;53(2):31-8

lingua: Italiano

Tomografia a coerenza ottica e fibre nervose mieliniche: descrizione anatomica e confronto tra time-domain e spectral domain OCT

Salvatore S. 1, Iannetti L. 2, Fragiotta S. 1, Vingolo E. M. 1

1 Dipartimento di Scienze Oftalmologiche, Università La Sapienza di Roma, Polo Pontino, Ospedale Alfredo Fiorini e Ospedale Santa Maria Goretti, Latina, Italia;
2 Dipartimento di Scienze Oftalmologiche, Università La Sapienza di Roma, Policlinico Umberto I, Roma, Italia


PDF  


Obiettivo. Determinare le caratteristiche morfologiche delle fibre nervose mieliniche e confrontare le differenze di analisi tra tomografia ottica a luce coerente time-domain (TD-OCT) e spectral domain (SD-OCT).
Metodi. In uno studio osservazionale cross-sectional, sono stati arruolati 6 pazienti con fibre nervose mieliniche (MRNF) su una popolazione di 1436 pazienti dei 1877 ai quali era stato chiesto di partecipare. Questi sono stati studiati con TD-OCT (Stratus OCT, Zeiss) e SD-OCT (Spectralis, Heidelberg Tomography).
Risultati. Le MRNF erano localizzate più frequentemente in regione temporale superiore, e bilaterali nel 17% dei casi. Nel 71% dei casi erano associate con degenerazione maculare. In tutti i casi il disco ottico era circondato da fibre mielinizzate. Nell’analisi con TD-OCT tutti i pazienti mostravano valori normali dell’area e dei margini del disco ottico (2,29±0,14 mm2 e 1,97±0,016 mm2 rispettivamente) ed un incremento della reflettività nello strato delle fibre nervose (RNFL). In corrispondenza dell’area interessata dalle MRNF è stato rilevato un aumento nello spessore dello RNFL e la presenza di un cono d’ombra posteriore. L’esame con SD-OCT ha mostrato anch’esso un aumento nella reflettività, ma l’incremento nello spessore delle RNFL è mascherato da una zona di assenza di segnale nel sito di mielinizzazione.
Conclusioni. Il nostro è il primo studio sistematico sulle caratteristiche ultrastrutturali delle MRNF in vivo. I nostri risultati mostrano nuovi aspetti morfologici di questa anomalia di sviluppo ed una possibile relazione con la degenerazione maculare. Gli esami OCT Time e Spectral-Domain sono metodiche effettivamente utili nello studio delle caratteristiche morfologiche delle MRNF.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail