Home > Riviste > Minerva Oftalmologica > Fascicoli precedenti > Minerva Oftalmologica 2010 December;52(4) > Minerva Oftalmologica 2010 December;52(4):153-9

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA OFTALMOLOGICA

Rivista di Oftalmologia


eTOC

 

REVIEW  


Minerva Oftalmologica 2010 December;52(4):153-9

Copyright © 2010 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Italiano

Edema corneale

Rama P., Insacco C., Knutsson K. A., Viganò M.

Unità Operativa Oculistica, Unità Cornea e Superficie Oculare, Istituto Scientifico San Raffaele, Milano, Italia


PDF  


La funzione primaria della cornea è quella di permettere la trasmissione e refrazione della luce. La funzione ottica viene garantita dalla sua perfetta trasparenza, condizione che dipende dalla capacità di mantenere uno stato di disidratazione dello stroma grazie ad un equilibrio tra fluidi e elettroliti nei differenti strati corneali. Ogni volta che questo delicato equilibrio viene alterato si ha un accumulo di fluido che determina edema e perdita della trasparenza corneale. L’edema corneale è una condizione che si può osservare frequentemente. Le cause sono numerose e spesso dovute a processi fisiopatologici differenti. Le più frequenti nei paesi occidentali sono l’abuso di lenti a contatto, la cheratopatia bollosa pseudofachica o afachica dopo interventi di cataratta e la distrofia di Fuchs. L’endotelio svolge un ruolo fondamentale nel mantenere la cornea trasparente attraverso il processo di deturgescenza corneale. Le cellule endoteliali sono dotate di un sistema di pompe energia dipendenti che determinano la fuoriuscita di acqua dallo stroma all’umor acqueo, garantendo una trasparenza corneale adeguata. Ogni talvolta che viene alterata la funzione o la struttura dell’endotelio esiste il rischio di un quadro di edema corneale. Anche l’integrità dell’epitelio è importante nel garantire una trasparenza adeguata. Una accurata visita oculistica permette nella maggior parte dei casi di inquadrare il paziente e di stabilire la natura del processo fisiopatologico che ha portato al quadro di edema corneale, garantendo quindi la possibilità di impostare una strategia medica o chirurgica adeguata.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail