Ricerca avanzata

Home > Riviste > Minerva Oftalmologica > Fascicoli precedenti > Minerva Oftalmologica 2010 Settembre;52(3) > Minerva Oftalmologica 2010 Settembre;52(3):131-3

FASCICOLI E ARTICOLI   I PIÙ LETTI   eTOC

ULTIMO FASCICOLOMINERVA OFTALMOLOGICA

Rivista di Oftalmologia

Periodicità: Trimestrale

ISSN 0026-4903

 

Minerva Oftalmologica 2010 Settembre;52(3):131-3

 CASI CLINICI

Vitrectomia in distacco di retina 19 anni dopo remissione completa di retinoblastoma

De Francesco S. 1, Hadjistilianou T. 2, Motolese I. 2, Esposti G. 2, Batisti C. 2, Esposti P. 2, Hadjistilianou T. 1

1 Referral Center for Retinoblastoma, University of Siena, Siena, Italy;
2 Department of Ophtalmology, University of Siena, Siena, Italy

Obiettivo di questo articolo è riportare i risultati dell’intervento di vitrectomia per distacco di retina 19 anni dopo remissione completa di retinoblastoma. Negli ultimi 10 anni, 286 casi sono stati trattati conservativamente (in uno o entrambi gli occhi). Di questi, un solo paziente ha presentato un distacco di retina tardivo. La paziente era stata trattata con crioterapia, fotocoagulazione e chemioterapia all’età di otto mesi. La remissione completa di malattia era stata ottenuta dopo circa 30 mesi. Diciannove anni dopo, la stessa è stata inviata presso il nostro Dipartimento per calo visus. Fu fatta diagnosi di distacco di retina. L’acuità visiva preoperatoria, che era ridotta a percezione luce, migliorò dopo l’intervento chirurgico. Dopo due anni dalla vitrectomia, la retina è rimasta completamente accollata. Un distacco di retina regmatogeno è da considerarsi possibile in pazienti trattati conservativamente per retinoblastoma. Una volta esclusa la riattivazione del tumore, la chirurgia vitreo-retinica può riparare con successo un distacco retinico e addirittura migliorarne l’acuità visiva.

lingua: Inglese


FULL TEXT  ESTRATTI

inizio pagina